domenica 31 gennaio 2016

THE ROAD TO HELL IS PAVED WITH... RETELLINGS! RECAP #1

Buongiorno e buona domenica a tutti! Come state? Come procedono le vostre letture? Oggi è l'ultimo giorno di gennaio (mamma mia come passa veloce il tempo!) e quindi sono qua per il primo post di recap della challenge sui retelling!

Potete commentare questo post in questo modo:

1) Inserite il titolo del libro letto e l'autore
2) Specificate per quale casella l'avete usato
3) mettete il link alla vostra recensione (sul vostro blog, su goodreads, su anobii, ecc..) oppure scrivetela direttamente qua.

In caso di più libri potete ripetere da capo o creare un nuovo commento con lo stesso schema. Come vi viene più comodo!


Potete trovare il post con le task qua e il post per l'iscrizione qui. Dovrebbe esservi arrivata anche la mail. Se non vi fosse arrivata fatemelo sapere e vedrò di sistemare le cose! 
Per ogni domanda, dubbio, consiglio sono a vostra disposizione!
Buone letture!
S.

mercoledì 27 gennaio 2016

WWW...WEDNESDAY#3

Buongiorno a tutti! Come state? Come procedono le vostre letture? Le mie un po' a rilento, tanto che ho dovuto far ricorso a qualcosa di molto leggero per distrarmi un po', ma lo vedrete a breve! 

La rubrica WWW... Wednesday è ideata dal blog Should be reading.

1)What are you currently reading?
2)What did you recently finish reading?
3)What do you think you'll read next?

What are you currently reading?


Come vi avevo anticipato la settimana scorsa questa non sarà una puntata molto ricca. Al momento sto leggendo Maid-Sama di Hiro Fujuwara. Il sedicesimo in realtà l'avevo già letto, ma prima di buttarmi sugli ultimi due volumi ho deciso di rispolverare un po' le cose. Dopo le mie letture passate avevo bisogno di qualcosa di molto scorrevole. E poi c'è I mestieri del libro di Oliviero Ponte di Pino. In realtà l'ho iniziato, ma credo che presto lo abbandonerò a favore della prossima lettura per la bookopoly reading challenge. E' che non riesco a stare senza leggere nulla, ma non è il periodo adatto per una lettura di questo tipo.

What did you recently finish reading?


Ho da poco finito Afterworlds di Scott Westerfeld e Oversight di Charlie Fletcher. Entrambi libri abbastanza impegnativi (sono entrambi cicciottelli) ed entrambi abbastanza deludenti. Mi aspettavo di più da tutti e due!

  What do you think you'll read next?


In realtà sto aspettando il tiro di dadi per la bookopoly reading challenge, quindi appena sarò il responso inizierò (o almeno lo spero) il libro che mi tocca, e a febbraio ho deciso di leggere un po' più libri a tema "romantico" o similari (in realtà me l'ero riproposto anche l'anno scorso e il risultato è stato una lettura a tema!). Ma quest'anno mi sono lasciata trascinare da alcune sfide su Goodreads. Nell'attesa comunque spero di riuscire ad iniziare Summoning the night di Jenn Bennett!

E voi cosa state leggendo? Cosa leggerete dopo? E cosa avete appena finito di leggere? Fatemi sapere! E se volete lasciarmi il link al vostro www passerò a curiosare sicuramente! 


Buone letture!

S.

martedì 26 gennaio 2016

IN MY WISH LIST #20

Questa rubrica non ha bisogno di molte spiegazioni, a cadenza casuale vi aggiornerò sulle nuove entrate della mia wish list del blog, che potete consultare qui.


Finalmente riesco a tornare con un'altra puntata di questa rubrica! Le new entries nella mia wish list sono parecchie, ma vedrò di non esagerare, promesso! 

I primi libri di oggi li ho scoperti grazie al blog di Rosa, Briciole di Parole:

TITOLO: Il timido e il porta guai

AUTORE: Kade Boheme 

TRAMA: Le capacità relazionali di Davy Cooper sono quasi inesistenti, visto che è cresciuto in una solitudine quasi totale da una madre affetta da agorafobia. Ora che è morta, Davy ha bisogno di farsi degli amici per la prima volta nella sua vita. Viene notato da Gavin Walker, ma è talmente intimidito da quel ragazzaccio che veste alla moda, sexy e sicuro di sé, da gettare via il suo numero di telefono ogni volta che gli viene offerto.Quando Gavin lo difende da un tizio maleducato, Davy inizia ad affezionarsi un po’ a lui. Ma. con la sua esperienza limitata, pensa che loro due siano troppo diversi e che qualsiasi cosa di più profondo di una conoscenza superficiale finirà in un disastro totale.


TITOLO: Di Carne e di Piombo

AUTRICE: Sagara Lux

TRAMA: Il corpo non mente.
Amanda lo sa bene. Interpretare i gesti e le parole delle persone è il suo mestiere, ma nonostante questo non appena si imbatte in Darren Swan non può fare a meno di sentirsi ingannata.
Da se stessa.

La verità non fa male.
Truffatore. Ladro. Assassino. Darren Swan sa bene cos’è, ma nonostante questo nei suoi silenzi e nelle pieghe della sua anima Amanda scorge qualcosa che la spinge a studiarlo, a guardarlo.
Ad amarlo.

Tutto ha un prezzo.
Il giorno in cui Darren Swan evade dal carcere in cui è rinchiuso accade qualcosa di impossibile. 
Amanda avrà un’unica occasione ed un’unica vita per entrargli nella mente e nel cuore; per portare a galla verità nascoste così a lungo da venire dimenticate e per riaprire ferite destinate a cambiare per sempre le loro vite.

TITOLO: Liberazione

AUTRICE: A.M. Sexton

TRAMA: Davlova: una città-stato oppressa dalla povertà e governata da un'aristocrazia tirannica. Le risorse sono scarse e la tecnologia è illegale. E nei bassifondi cova la rivoluzione. 
Misha è un borseggiatore comune, finché il suo capo non gli assegna un nuovo lavoro. Facendosi passare per una prostituta, Misha viene spedito a lavorare per uno degli uomini più potenti della città. Ma il suo vero obiettivo è molto più pericoloso: avvicinarsi a Miguel Donato, e trovare qualcosa - qualsiasi cosa - che possa aiutare a far cadere il governo corrotto di Davlova. 
Misha si immerge nel mondo decadente dell'aristocrazia, dove gli schiavi sono comuni e dove è possibile trovare anche il piacere più perverso. Anche se è sicuro che l'élite di Davlova sia coinvolta in qualcosa di terribile, le prove sono difficili da trovare, e Misha inizia ad innamorarsi dell'uomo che dovrebbe tradire. Poi incontra Ayo – uno schiavo sessuale costretto da un impianto neurale nel suo cervello a provare piacere per il dolore - e tutto cambia. 
Mentre gli abitanti della città bassa si spingono verso una rivoluzione sanguinosa, Misha si troverà preso tra i sentimenti inattesi che prova per Donato, il dovere verso il clan e la determinazione di salvare Ayo. 

Un libro italiano e ben due che sono stati tradotti anche da noi! Direi che per me è un record!
I prossimi invece li ho scoperti grazie al blog Da una stella cadente all'altra:

TITOLO: Qualcosa di vero

AUTRICE: Barbara Fiorio

TRAMA: A rincasare ubriachi nel cuore della notte si rischia di inciampare in qualsiasi cosa: un gradino, i lacci delle scarpe, uno stuoino fuori posto. Ma se ti chiami Giulia, sei una pubblicitaria di successo e per te l’infanzia è solo una nicchia di mercato, puoi anche inciampare in una camicia da notte con una bambina dentro: Rebecca, la figlia della nuova vicina. Allora, tra i fumi dell’alcol, puoi persino decidere di ospitarla per una notte sul tuo divano. Salvo poi rimanere invischiata in sessioni di fiabe da raccontarle ogni volta che la madre, misteriosamente, non c’è. Da Cenerentola a Pollicino, da Raperonzolo alla Sirenetta, purché siano sempre le versioni originali: quelle di Perrault, dei Grimm e di Andersen, dove i ranocchi si trasformano in principi soltanto se li lanci contro un muro, e non sono certo i baci a risvegliare le più belle del reame. Se invece ti chiami Rebecca e sei arrivata da poco in città, puoi provare a conquistare i compagni di classe con le “fiabe vere”. Salvo poi imbatterti nelle temibili bimbe della Gilda del cerchietto, pronte a screditarti con le versioni edulcorate della Disney. 
E forse, nonostante i tuoi nove anni, cercherai di far capire a Giulia, la tua amica del pianerottolo, che, anche se i principi azzurri nella realtà non esistono, l’uomo giusto a volte è più vicino di quanto si pensi. Ciò che ancora non sai è che la verità costa cara. E non solo perché certe cose è meglio non raccontarle, specie quando ci sono di mezzo i segreti degli adulti. Ma anche perché in ogni storia, persino in quelle più divertenti, si nasconde un mostro. E per sconfiggerlo le parole non bastano. 
Per sconfiggerlo ci vuole qualcosa di vero.

Giulia è una pubblicitaria scombinata. Rebecca è una bambina che non si accontenta delle solite storie. Un pianerottolo. Un incontro. E, da tenere segreto, qualcosa di vero. 



TITOLO: La misura della felicità

AUTRICE: Gabrielle Zevin

TRAMA: Dalla tragica morte della moglie, A.J. Fikry è diventato un uomo scostante e scorbutico, insofferente verso gli abitanti della piccola isola dove vive e stufo del suo lavoro di libraio. Disprezza i libri che vende (e pure quelli che non vende) e ne ha fin sopra i capelli dei pochi clienti che gli sono rimasti, capaci solo di lamentarsi e di suggerirgli di abbassare i prezzi. Anche per gli agenti di vendita è ormai un interlocutore a dir poco difficile. Ma tutto cambia una sera come tante, quando, rientrando in libreria, A.J. trova una bambina che gironzola nel reparto dedicato all’infanzia. Al collo ha appuntato un biglietto scritto dalla madre: Questa è Maya. Ha due anni. È molto intelligente ed è eccezionalmente loquace per la sua età. Voglio che diventi una lettrice e che cresca in mezzo ai libri. Io non posso più occuparmi di lei. Sono disperata. Seppur riluttante (e sorprendendo tutti i suoi conoscenti), A.J. decide di adottarla, lasciando così che quella bambina gli sconvolga l’esistenza. Perché Maya è animata da un'insaziabile curiosità e da un'attrazione istintiva per i libri – per il loro odore, per le copertine vivaci, per quell’affascinante mosaico di parole che riempie le pagine all’interno – e, grazie a lei, A.J. non solo scoprirà la gioia di essere padre, ma riassaporerà anche il piacere di essere un libraio. Trovando infine la forza per aprirsi a un nuovo, inatteso amore

Due libri di genere molto diverso, ma che mi sembrano promettenti. E l'ultimo di oggi, invece, l'ho scoperto grazie a Giusy, del blog Divoratori di Libri. In realtà avrei dovuto presentarvelo già da un po', ma tanto non sono ancora riuscita a leggerlo, quindi va bene anche ora:


TITOLO: I cento colori del blu

AUTRICE: Amy Harmon

TRAMA: Solo l'amore potrà svelarlo

Tutti a scuola conoscono Blue Echohawk. Abbandonata da sua madre quando aveva solo due anni, Blue non sa se quello sia il suo vero nome né quando sia davvero il suo compleanno. Ma ha imparato a fuggire il dolore con atteggiamenti da ribelle: indossa sempre vestiti attillatissimi e un trucco pesante. E soprattutto il sesso è il suo rifugio, un gioco per dimenticare tutto, per mettere sotto chiave le sue emozioni. A scuola poi è un caso disperato. Eppure il suo nuovo insegnante di storia, il giovane Darcy Wilson, non la pensa così: Darcy crede in lei, e sa che Blue ha bisogno di capire chi sia prima di trovare un posto nel mondo. E così la sprona a guardarsi dentro e a ripercorrere il passato, a scrivere la sua storia, a dar voce alle sue emozioni. Tra i due nasce una grande amicizia, e forse, a poco a poco, qualcosa di più: un sentimento forte, travolgente, a cui ciascuno dei due tenta in tutti i modi di resistere…

Bestseller del New York Times
Solo l'amore potrà salvarti.
Una storia tenera, sexy e commovente.

Attenzione, questo libro vi ruberà il cuore!
Non riuscirete a metterlo giù finché non lo avrete finito!

Amy Harmon ci consegna una storia appassionante e ben scritta, che saprà rapirvi come poche altre.


Oggi sono molto soddisfatta perché sono riuscita a presentarvi solo libri che sono stati tradotti anche da noi (e un paio sono di autori italiani, niente di meno!). E voi cosa avete aggiunto di recente alla vostra wish list? E conoscete i libri che vi ho presentato?
Buone letture!
S.

lunedì 25 gennaio 2016

SERIOUS? SERIES! #4

Buongiorno a tutti! Come state? Com'è iniziata la vostra settimana? Io per ora tutto bene, e spero che continui così! Comunque... oggi ho deciso di parlarvi di una serie che ho finito da poco (la prima serie finita del 2016, evviva!!!!):





La serie protagonista di oggi è una trilogia fantasy per ragazzi.Da noi purtroppo è una serie interrotta, perché hanno tradotto il primo libro, ma poi sembra che si siano dimenticati che, in realtà, ce ne sono ancora altri due che aspettano buoni buoni il loro turno per essere tradotti. Comunque, la trilogia è The Ascendance Trilogy di Jennifer A. Nielsen:



 TRAMA DEL PRIMO LIBRO: In un regno sull'orlo della guerra, un nobile (Conner) con pochi scrupoli e molto denaro decide che è il momento di impossessarsi del trono. L'occasione è la morte (per avvelenamento) dell'intera famiglia reale: re, regina e principe ereditario. Il secondogenito del re, Jaron, è invece disperso da anni, quando la nave su cui si trovava venne assaltata dai ferocissimi pirati del paese vicino. Visto che il suo corpo non è mai stato trovato, Conner ha intenzione di "formare" un nuovo, falso principe, che reclami il trono come legittimo erede, e che sia di fatto un burattino nelle sue mani. Ha quindici giorni prima che la notizia della morte della famiglia reale sia resa pubblica e trova negli orfanotrofi del paese tre ragazzi, potenziali sosia del vero principe. Tobias è istruito e bene educato, ma debole e remissivo; Roden è forte e bravo con la spada, ma totalmente privo di educazione, e Sage è completamente ingestibile: strafottente, furbo e scapestrato. I ragazzi sanno che solo uno di loro sarà prescelto, mentre gli altri due verranno eliminati. Tra false identità, la competizione per il trono (e per la vita), i risvolti romantici e l'ambientazione fantasy, questo è un romanzo in cui prevalgono l'avventura, l'azione, i dialoghi, con personaggi perfettamente caratterizzati. 




Queste sono le cover originali, e i titoli sono: The False Prince, The Runaway King e The Shadow Throne.

Una volta tanto il mio preferito è il primo, mentre quello che mi è piaciuto meno è stato il terzo. Ma penso che fosse più colpa mia che sua, nel senso che prima di leggere il terzo capitolo ho letto i due libri finali della trilogia The Broken Empire di Mark Lawrence (Il re dei fulmini e L'imperatore dei fulmini) e le due trilogie sono abbastanza simili come struttura e tipologia di personaggi (ma non temete, questa della Nielsen è meno cruda e violenta e il personaggio principale non è un piccolo psicopatico in erba), ma, mentre la trilogia di Lawrence, è orientata verso un pubblico più adulto, quello della Nielsen è un fantasy per ragazzi.

Non c'è niente di male, ma ovviamente avendo letto da poco l'altra trilogia mi è stato impossibile non fare dei paragoni tra le due, e questa ne è uscita sconfitta per un sacco di cose, perché, ovviamente, l'altra serie è più matura e più cruda, mentre la Nielsen tiene sempre ben presente il suo pubblico e fa delle scelte che probabilmente non avrebbe fatto se non avesse deciso di scrivere specialmente per i ragazzi.

In ogni caso è una trilogia che mi è piaciuta molto e l'autrice fa veramente un bel lavoro. Organizza una storia interessante e piena di colpi di scena (ammetto che sono colpi di scena abbastanza prevedibili, ma in realtà non è una cosa che pesa poi tanto), complessa e ben strutturata, che è accompagnata da personaggi originali, almeno per quanto riguarda il nostro protagonista, Sage, a cui mi è stato impossibile resistere.
Credo che ne valga la pena già solo per lui. E' una serie piena di avventure, anche se le similitudini con la serie di Lawrence mi sono sembrate molto evidenti, soprattutto nella costruzione dell'ultimo volume. Comunque, similitudini a parte, la storia è interessante e riesce a catturare l'attenzione.
E ammetto che il punto forte di tutta la serie è il suo protagonista, irriverente, testardo, con una propensione a far danni ovunque vada. Una vera peste con un sacco di ingegno e una bella parlantina. Ostinato, determinato e affascinante. Bugiardo impenitente ma capace di un'onestà sconcertante. Fortunato fino all'inverosimile, e altrettanto amato dalla sfortuna. 
Insomma, un personaggio a tutto tondo che è caratterizzato alla perfezione.

Se cercate una lettura che vi catturi e vi porti in un altro mondo, in compagnia di personaggi indimenticabili, capaci di strapparvi qualche sorriso divertito mentre vi fanno vivere avventure rocambolesche in tutte le salse, questa è la serie che fa per voi!

Voto: 


Conoscevate questa serie? Vi ispira? 
Buone letture!
S.

giovedì 21 gennaio 2016

I LIBRI CHE AVREI VOLUTO LEGGERE!

Buongiorno a tutti! Come state? E' arrivato anche da voi il gelo? Qua l'aria è veramente freddina (e per freddina intendo dire che se state 10 minuti fuori vi ritroverete con le dita congelate e il naso pronto a staccarsi!) ma sopravviviamo, o almeno sembra!
Oggi sono qua con l'ultimo post di recap dell'anno passato. Ebbene sì, avete letto bene, questo è davvero l'ultimo post di recap! Non siete contenti?
L'idea mi è venuta grazie ad una delle top ten tuesday, che aveva come argomento i libri pubblicati nel 2015 che avremmo voluto leggere senza riuscirci. Sul blog Bookland: viaggiando tra i libri ho trovato questa top ten leggermente modificata: il succo è lo stesso, ma valeva per tutti i libri che avremmo voluto leggere e non abbiamo letto, non solo quelli pubblicati nel 2015. Così ho deciso di adottare l'idea. Alcuni dei libri che vi presento sono stati pubblicati nel 2015, ma non tutti.

Bene! Siete pronti? Si parte!

1) Il campione delle Ere di Brandon Sanderson, terzo capitolo della serie Mistborn. Quest'anno avrei davvero voluto leggere questo libro, per poter continuare questa serie, che è stata anche la serie che mi ha fatto conoscere e amare Sanderson come autore! Purtroppo non sono riuscita a leggerlo ma, in compenso, ho letto altri 3 libri di questo autore: Elantris, Il Conciliatore e La via dei re.


2) L'angelo della notte di Brent Weeks. E' il primo capitolo della trilogia Night Angel, che punto da una vita, ma che ahimè non sono mai riuscita ad iniziare. Visto che ho il volume con la trilogia completa che mi aspetta in libreria, spero di riuscire ad iniziarlo presto! Speravo di iniziarlo subito dopo aver preso il volume, ma altre letture si sono messe in mezzo!

3) L'assassino: il ritorno di Robin Hobb. Volevo questo libro fin da quando è uscito in lingua originale, mi sono persino segnata in agenda la data in cui sarebbe uscito il paperback perché doveva essere mio e doveva esserlo al più presto, ma per fortuna è uscita anche l'edizione italiana. Non vi dico la mia gioia quando finalmente l'ho avuto tra le mani! Speravo di riuscire a leggerlo nelle vacanze di Natale, ma niente... è ancora lì che aspetta il suo turno! :(


4) The Clockwork Scarab di Colleen Gleason. Questo libro mi incuriosisce parecchio e lo punto da una vita, ma dopo aver letto alcune cose particolarmente convincenti (Alexis, qua è tutta colpa tua!) ero ancora più curiosa. Il libro ce l'ho, anche se ho l'ebook e non il cartaceo, e nonostante mi sia ripromessa più volte di leggerlo, non ci sono ancora riuscita! Spero che quest'anno si riveli quello giusto!

5) L'uomo di marte di Andy Weir. Non è esattamente il mio genere, ma dopo aver letto un sacco di cose interessanti (e dopo averlo trovato in libreria ad un prezzo decisamente accessibile) mi sono convinta a portarlo a casa con me. Ma finora non ha avuto molto successo, perché continua a prender polvere in attesa del suo turno!


6) The Wrath and the Dawn di Renee Ahdieh. Mi incuriosisce molto e sono anche riuscita a procurarmelo, ma ancora non sono riuscita a passarlo in lettura. Spero di riuscire a rimediare presto!!!!


In realtà potrei andare avanti all'infinito, perché di libri che avrei voluto leggere senza riuscirci ce ne sono tantissimi, ma ho deciso di limitarmi a questi, che sono i titoli che più mi saltano all'occhio in questo momento!
E voi, quale letture avreste voluto fare nell'anno appena passato? Fatemi sapere!
Buone letture!
S.

mercoledì 20 gennaio 2016

WWW...WEDNESDAY#2

Buongiorno a tutti! Come state? Qua è arrivato il freddo e iniziano a spuntare ovunque pinguini che circolano! Mi piace l'inverno, ma il freddo così, tutto d'un colpo, me lo sarei anche evitata! Comunque, oggi è mercoledì, quindi posso parlarvi delle mie letture, evviva!

La rubrica WWW... Wednesday è ideata dal blog Should be reading.

1)What are you currently reading?
2)What did you recently finish reading?
3)What do you think you'll read next?

What are you currently reading?



Al momento ho in lettura Oversight di Charlie Fletcher, che dopo aver aspettato pazientemente il suo turno per quasi un anno è finalmente riuscito a passare in lettura grazie alla bookopoly reading challenge. L'ho giusto iniziato quindi non posso dirvi molto, ma lo stile mi sta piacendo e i personaggi sembrano particolari. Diciamo che promette bene! Mentre l'altro libro in lettura è Afterworlds di Scott Westerfeld. Ho da poco superato la metà ma ancora non riesco a decidermi. Quando l'ho scelto ero parecchio combattuta, perché volevo provare a leggere qualcosa di questo autore e questo titolo mi sembrava molto particolare ma c'era qualcosa che non mi convinceva pienamente. Non ero sicura che mi sarebbe piaciuto, ma alla fine ho approfittato di una buddy read per decidermi e lanciarmi. Ed ora sto trascinando un po' la lettura. Non è che non mi piace, ma non mi fa nemmeno impazzire e devo limitare la lettura a pochi capitoli al giorno. 

What did you recently finish reading?



Le mie ultime letture sono state: Heartless di Gail Carriger, quarto libro della serie The Parasol Protectorate, serie che adoro. Mi erano davvero mancati i personaggi di questi libri! The Shadow Throne di Jennifer A. Nielse, ultimo capitolo della sua trilogia. Sinceramente ho preferito gli altri due libri, ma non è stata una brutta lettura. E poi c'è The Crown Conspiracy di Michael J. Sullivan, primo libro della serie The Riyria Revelations. Ammetto che non è un capolavoro, ma mi è piaciuto molto e credo che sarà l'inizio di una bella amicizia (tra me e questa serie!).


E poi c'è lui: Quello che accade nel buio di Carol O'Connell, ultimo, almeno per ora, libro della serie dedicata a Kathy Mallory (qui per saperne di più). Mi è piaciuto tantissimo e mi sono goduta ogni singola pagina!!!!

 What do you think you'll read next?



Sinceramente non so ancora bene cosa leggerò dopo. Visto che ultimamente non ho tantissimo tempo da dedicare alla lettura ci sono buone possibilità che la prossima settimana io abbia ancora in corso le letture attuali, ma se così non fosse mi piacerebbe provare a leggere I mestieri del libro di Oliviero Ponte di Pino. Ma non vi garantisco nulla, eh!


E voi cosa state leggendo? Cosa leggerete dopo? E cosa avete appena finito di leggere? Fatemi sapere! E se volete lasciarmi il link al vostro www passerò a curiosare sicuramente! 


Buone letture!

S.

martedì 19 gennaio 2016

S.O.S SERIE... FACCIAMO IL PUNTO!

Buongiorno a tutti! Come state? Come procedono le vostre letture? E la vostra settimana? Io per il momento non mi lamento, per fortuna!
Sono di nuovo qua con uno degli ennesimi post di recap, ma non temete, siamo quasi alla fine!

Ormai saprete tutti che ho dei gravi problemi con le serie: ne inizio tantissime, ne continuo parecchie ma ne finisco poche (anche se qui la colpa non è completamente mia, perché se gli autori continuano a pubblicare libri, tenendosi fedeli al motto "verso l'infinito e oltre!" io non ci posso fare nulla!)

Cari autori, non siete proprio di aiuto!
Detto questo, visto che l'anno è finito è giunto il momento di cercare di fare il punto della situazione. Quindi... quante serie ho finito?
Ebbene sì... sono riuscita a terminare ben 12 serie! Wow! E... brava me! (quando ci vuole, ci vuole!). In realtà sarebbero 11 + 1 perché ho contato anche la serie della Showalter White Rabbit Chronicles. Per me la serie si è conclusa al terzo libro, non mi interessa se l'autrice ha deciso di scriverne un quarto perché ha visto che la storia vendeva bene. E' nata come trilogia e per me muore anche come trilogia.
Sono molto soddisfatta del mio risultato, anche perché sinceramente credevo di arrivare alle 6/7 serie finite, non addirittura 12! 

Oltre ad aver finito un po' di serie ho anche deciso che non posso continuare a trascinarmi dietro in eterno delle serie che già so che non mi piaceranno, così, dopo attenta riflessione ho deciso che abbandonerò queste due serie:

-Daughter of Smoke & Bone di Laini Taylor. Il primo non mi aveva fatta impazzire, ad essere sincera (la prima metà mi era piaciuta molto, ma la seconda metà mi aveva annoiata) e quest'anno mi sono finalmente decisa a prendere in mano il secondo. Ho fatto molta fatica a finirlo, mi è sembrata una lettura eterna. Lo stile dell'autrice è magnifico, ma questa serie non fa per me. 

-I vampiri di Morganville di Rachel Caine. Di questa serie ho letto i primi due e pure diverso tempo fa. Non mi sono piaciuti per niente e ho questa serie ferma in attesa di vedere tempi migliori. Non ho assolutamente intenzione di continuarla, quindi è inutile far finta di niente e continuare a dire che la riprenderò sicuramente. I primi due libri non mi sono piaciuti per niente, quindi perché continuare?

Abbandonare le serie per me è difficile, mi scoccia davvero lasciare le cose a metà, ma non posso neanche andare avanti a continuare a leggere libri che già so che non mi piaceranno.
In realtà quest'anno ho iniziato anche diverse serie che però non ho preso in considerazione nell'elenco perché ho letto solo il primo volume e mi è bastato per decidere che non andrò avanti (ne sono un esempio Il profumo dell'oscurità, Talon e Falling Kingdoms).

Ed eccoci arrivati all'ultima parte di questo post! Dopo avervi parlato delle serie concluse e di quelle abbandonate è il momento di parlarvi di alcune serie che spero davvero di riuscire a portare avanti quest'anno. Ok, idealmente mi piacerebbe proseguire con tutte le serie che ho iniziato! Ma siccome so già che si rivelerà una pia speranza e nulla più, spero di motivarmi a continuarne almeno alcune, citandole anche qua!

1) Charley Davidson di Darynda Jones. Io sono ferma al sesto e questa autrice è già arrivata a pubblicare il nono. Urge rimedio! Anche perché adoro questa serie!


2) Arcadia Bell di Jenn Bennett. Il primo libro mi era piaciuto davvero molto ma purtroppo sono ferma al primo volume da troppo tempo! Devo assolutamente rimediare!

3) Hero di Moira J. Moore. Idem come sopra! Devo assolutamente rimediare!!! 


 In realtà le serie sarebbe molte di più (moltissimissime di più!!!) ma ho cercato di limitarmi a queste tre, sperando di riuscire a procedere con tutte (magari leggendo anche più di un volume per ognuna!). 
E voi cosa mi dite? Siete riusciti a terminare delle serie? E quali sperate di continuare quest'anno?
Buone letture!
S.

lunedì 18 gennaio 2016

RECENSIONE: FOLLEMENTE FELICE

Buongiorno a tutti! Come state? Finalmente sono qua con una nuova recensione! I libri di cui vorrei parlarvi sono davvero tanti, ma oggi ho scelto di parlarvi di un libro un po' particolare.
Non sapevo che l'avessero tradotto anche da noi, fino a quando non me lo sono trovata davanti in libreria. E lì non ho proprio potuto resistere. Ho dovuto portarlo a casa con me. E la colpa è anche di Rory! (Se volete sapere di chi sto parlando, continuate a leggere!).

Una piccola avvertenza. Non ho potuto segnarmi le frasi che più mi piacevano durante la lettura, quindi per le citazioni ho dovuto ricorrere a Goodreads (tranne per una) quindi le troverete tutte in inglese, ma non temete. Il libro l'hanno tradotto anche da noi!

TITOLO: Follemente felice

AUTRICE: Jenny Lawson

EDITORE: Sperling & Kupfer

TRAMA: Una sincerità spietata che se non fosse esilarante sarebbe quasi crudele.
Un'autoironia esagerata capace di creare una gioia contagiosa.

Ecco il mondo di Jenny Lawson, che fa ridere fino alle lacrime. D'altronde cosa puoi fare se ti ritrovi affetta da depressione cronica, agorafobia, autolesionismo e artrite reumatoide? O soccombi o decidi che sarai comunque felice. Anzi, follemente felice. Se la gente ti considera un po' matta, tanto vale fare tutto quello che ti passa per la testa. Per esempio, andare in Australia travestita da koala, organizzare un rodeo notturno con i tuoi gatti, noleggiare bradipi e canguri per la gioia di tuo marito (che, nonostante tutto, ti adora), inseguire ufo e tornado, o rifugiarti sotto le coperte, perché certi giorni l'ansia è troppo forte e semplicemente non puoi fare altro. Ma in un angolo della tua mente sai che appena avrai la forza di rialzarti, tornerai a gettarti senza freni nel presente, perché qui sta la differenza tra sopravvivere e vivere.

Questa è la grande lezione di Jenny, blogger pluripremiata e autrice bestseller che ha dominato le classifiche del New York Times e, con i suoi tre milioni di lettori, è diventata un punto di riferimento assoluto negli Stati Uniti. Niente può condannarci all'infelicità, dice con umorismo surreale e dissacrante, né i disturbi mentali (di cui soffre da sempre), né i momenti no (che capitano a tutti). Sta a noi pretendere dalla vita ciò che meritiamo: un'ininterrotta sequenza di momenti indimenticabili.

Giusto per darvi qualche indicazione in più, vi dico che questo è il secondo libro di questa scrittrice, ma è l'unico che abbiano tradotto anche da noi. Spero che si decidano a tradurre anche il primo!

Detto questo... ci provo! Non è semplice parlare di questo libro, perché non è un libro di fiction, è un libro autobiografico perché è l'autrice che ci racconta della sua vita, della sua famiglia, delle sue avventure e disavventure e della sua malattia mentale (o forse posso dire "malattie mentali"? Non lo so, comunque avete capito, no?). 
Tutto quello che l'autrice ci racconta è in relazione alla sua malattia mentale: come influenza la sua vita di tutti i giorni e come lei ci conviva e la combatta.
Tratta un tema sicuramente delicato e molto personale, ma lo fa in maniera del tutto personale, coraggiosa e, a tratti, decisamente irriverente. 
Magari alcune cose possono far storcere il naso ad alcuni, ma bisogna tener presente che quello di cui l'autrice parla è la sua malattia, quindi per me questo le dà il diritto di parlarne come meglio crede.

La necessità aguzza l'ingegno, ma la noia ispira le cazzate

E' un libro che fa riflettere, fa riflettere molto e su molte cose. Anche perché tutti, prima o poi, ci possiamo ritrovare in situazioni simili. Certo, non mi riferisco alla malattia di per sé, ma molte delle cose che l'autrice dice si possono benissimo applicare a chiunque.
Per certi versi è un libro profondo, ma è impregnato dalla prima all'ultima parola di una folle felicità che è contagiosa, che ci sprona ad essere persone migliori, anche se magari solo per un pochino, che ci incoraggia a non aver paura e ad essere felici.
Ci ricorda l'importanza di accettarci per come siamo, di volerci bene, di avere fiducia in noi stessi, e lo fa facendoci ridere e sorridere, perché penso che sia impossibile non spendere almeno un paio di sorrisi mentre si leggono le sue parole.

Don’t sabotage yourself. There are plenty of other people willing to do that for free

Spesso e volentieri trovo che la felicità sia presa sotto gamba, credo che non le sia concessa la giusta importanza, ma credo anche che questo sia uno di quei rari libri in grado di rimettere le cose in prospettiva.

I AM GOING TO BE FURIOUSLY HAPPY, OUT OF SHEER SPITE

E' un libro molto umano, e ho trovato davvero molto facile impersonarmi con l'autrice, con i suoi problemi e con i suoi sentimenti. Ci aiuta a ricordarci che non siamo soli, in generale, e ci aiuta, secondo a me, a dare la giusta importanza alle cose e, soprattutto, alle persone che ci stanno attorno.

Last month, as Victor drove me home so I could rest, I told him that sometimes I felt like his life would be easier without me. He paused a moment in thought and then said, “It might be easier. But it wouldn’t be better.

In definitiva è un libro che mi ha toccato, mi ha fatto ridere, ma è anche riuscito a farmi piangere (quasi) e a farmi riflettere. Non posso che consigliarlo a tutti!

E adesso voglio lasciarvi un paio di fatti random su questo libro: il procione in copertina esiste veramente, è un procione imbalsamato di proprietà della Lawson e si chiama Rory. E vi assicuro che è l'emblema ideale per questo libro.
Voglio l'edizione originale di questo libro! E mi sento truffata dall'edizione italiana! Su instagram ho scoperto che l'edizione originale ha, alla fine, questa illustrazione:


E sì, è Rory che cavalca un gatto. No, non avete letto male e no, non avete le allucinazioni. Ci vedete benissimo. Siete curiosi? Allora correte a leggere il libro!
Spero di essere riuscita ad incuriosirvi!


Voto:e mezzo

Allora, cosa mi dite? Lo conoscevate? Vi ispira?
Buone letture!
S.

venerdì 15 gennaio 2016

IL MEGLIO E IL PEGGIO DEL 2015 #2

Buongiorno a tutti! Come state? Come procedono le vostre letture? Le mie al momento bene, quindi non mi posso lamentare! E sono tornata con un altro post di recap. In quello di oggi vi presenterò il peggio del 2015, perché ho fatto molte belle letture, ma ne ho fatte alcune anche da dimenticare! E poi vi parlerò velocemente dei miei buoni propositi per il 2016!

Iniziamo dal tasto dolente, da quelle che sono state le peggiori letture dell'anno appena trascorso:

1) Il profumo dell'oscurità di Emma Holly. La trama è non pervenuta. Sui protagonisti non mi pronuncio neanche perché sarebbe solo una perdita di tempo. Lo stile? Niente di particolare. Una totale perdita di tempo.


2) Falling Kingdoms di Morgan Rhodes. Di questo ho già parlato anche troppo, quindi se siete curiosi vi rimando alla mia recensione.


3) The Dark Wife di Sarah Diemer. E' un retelling LGBT del mito di Ade e Persefone. L'idea di base è veramente buona, ma il libro è di un noioso incredibile. Ancora non so come ha fatto a non cascarmi la mascella per tutti gli sbadigli che ho fatto durante la lettura.


4) Ash di Malinda Lo. Retelling di Cenerentola. Valgono le stesse cose dette sopra. Tutto molto carino in teoria, ma noiosissimo nella pratica. Un vero peccato.

5) Tiger's Curse di Colleen Huck. Avevo delle aspettative altine su questo libro, anche perché la storia è originale e tratta dei miti indiani, un tema su cui non ho letto tanto. Ma il libro è banale, noiosetto e ci sono alcune cose che scricchiolano un po'. Peccato perché ci tenevo davvero tanto a leggerlo.



6) Snow White Red-Handed di Maia Chance. Ammetto di essermi fatta fregare dal titolo, perché io non so proprio resistere ai richiami delle fiabe. Ma è stato un grandissimo spreco di tempo. Come tutti gli altri, buona l'idea, mediocre per non dir di peggio la realizzazione.

Ho fatto altre letture che mi hanno annoiato o che mi hanno lasciato senza molto, o che erano banalotte. Ma queste sono sicuramente le peggiori. Mi poteva andare peggio, ma mi poteva andare anche meglio!


Bene, ed ora passiamo a qualcosa di un po' più allegro: i buoni propositi per il nuovo anno!

1) essere più presente sia sul mio blog che sui vostri angolini. Quest'anno spero di riuscire ad essere più presente.

2) più recensioni. Non sogno di scrivere le recensioni per tutti i libri che leggo (secondo goodreads ho letto 231 libri nel 2015 e scrivere qualcosa per ognuno di loro va oltre le mie forze, ne sono cosciente!), ma mi piacerebbe riuscire a parlarvi di più libri. Già riuscire a mantenere la media di una recensione a settimana sarebbe un grandissimo traguardo!

3) riuscire a terminare tutte le challenge a cui mi sono iscritta, in particolare quelle che mi sono auto-imposta: leggere l'alfabeto con gli ebook in mio possesso prima dell'inizio di quest'anno e leggere i libri dell'elenco che ho fatto (qua) per smaltire un po' le mie librerie.

4) tagliamo la wish list! So che questo sarà un proposito che naufragherà miseramente. Ma ho notato che la mia "want-to read shelf" su Goodreads contava al 31 dicembre ben 658 libri. E no, vorrei ma non sto esagerando. So già che ci aggiungerò un sacco di titoli durante l'anno, perché è più forte di me, ma mi piacerebbe davvero molto smaltirla almeno un po' (ok, un po' tanto!!!!). 658 è un numero troppo alto!!!!!

5) terminare diverse saghe. Ormai lo sapranno anche i muri che con le serie io ho decisamente dei problemi, ma ne sono cosciente e cerco di porci rimedio, di tanto in tanto. Quindi spero di riuscire a terminare qualche serie anche quest'anno!

Direi che, bene ho male, dovrei aver scritto tutto!
E voi cosa mi dite? Quali sono state le vostre letture da dimenticare del 2015? E i vostri propositi?
Buone letture!
S.

mercoledì 13 gennaio 2016

WWW...WEDNESDAY#1

Buongiorno a tutti! Come state? Come procedono le vostre letture? Le mie stanno procedendo molto bene e finalmente riesco anche a mettermi al pc per potervene parlare! Evviva!
Ho anche deciso di riprendere da #1 le pubblicazioni di questa rubrica. Di solito con il cambiare dell'anno non azzero la numerazione, ma ho deciso di fare un'eccezione per questa rubrica, visto che è l'unica che pubblico regolarmente ogni settimana, in modo da poter aver sott'occhio la mia costanza!
Ma ora la smetto di parlare a vanvera, promesso!
La rubrica WWW... Wednesday è ideata dal blog Should be reading.

1)What are you currently reading?
2)What did you recently finish reading?
3)What do you think you'll read next?

What are you currently reading?


Al momento sto leggendo Theft of Swords di Michael J. Sullivan. Questo libro mi è arrivato alla fine dell'anno scorso, ma non ho potuto iniziarlo subito perché dovevo partire e questo è un mattoncino, così non ho potuto portarmelo dietro. Così me lo sono tenuto buono per la Lps Reading Challenge (e mi conta pure per l'ultima challenge a cui mi sono iscritta: fantasy reading challenge). Non vedevo l'ora di iniziarlo e devo dire che l'attesa ne è valsa la pena! L'unica cosa è che mi sono accorta solo ora, che sono arrivata praticamente alla fine del primo libro, che in realtà sono due libri in un unico volume. Quindi mi fermerò al primo e mi gusterò il secondo un po' più avanti. Il secondo libro in lettura è The Shadow Throne ultimo capitolo della trilogia di Jennifer A. Nielsen, un bel fantasy per ragazzi.

What did you recently finish reading?


Dall'ultima puntata di questa rubrica ho letto veramente moltissimo e cercherò di non riproporvi tutti i libri! Però sono molto soddisfatta perché sono riuscita a spaziare e a leggere molti libri di generi differenti! Tra le mie ultime letture ci sono Follemente Felice di Jenny Lawson: folle, irriverente, divertente e che, soprattutto, fa riflettere. Una lettura stra-consigliata! Il cacciatore del buio di Donato Carrisi, libri con cui ho rivalutato questo autore e Letter to Zell di Camille Griep (questo, se vi interessa, vi può contare per la The road to hell is paved with retellings!) ma vi avviso che l'ho trovato deludente.


E non potevo non citare l'ultimo libro letto, di cui vi ho già parlato: Lie4Me: Professione bugiarda di Mariachiara Cabrini. Di tutti gli altri spero di riuscire a parlarvene presto!

 What do you think you'll read next?


Domani inizierò Afterworld di Scott Westerfeld. E' parecchio che punto questo autore e questo libro in particolare, e sono riuscita ad organizzare una buddy read per lui che inizierà domani. Non vedo l'ora. E poi c'è Quello che accade nel buio di Carol O'Connell. Ormai vi avrò fatto venire la nausea a forza di nominare questa autrice. Ma ce l'avevo lì che mi occhieggiava dalla libreria e per la bookopoly reading challenge devo leggere un thriller. Come potevo resistere?! Se tutto va bene lo inizierò questa sera! Non vedo l'ora!

E voi cosa state leggendo? Cosa leggerete dopo? E cosa avete appena finito di leggere? Fatemi sapere! E se volete lasciarmi il link al vostro www passerò a curiosare sicuramente! 


Buone letture!
S.