lunedì 23 maggio 2016

RECENSIONE: SOLSTICE

Buongiorno e buon lunedì a tutti! Come state? Come procedono le vostre letture? Io oggi ho deciso di parlarvi di un libro che mi è stato gentilmente inviato dall'autrice in cambio di una recensione onesta e che ho letto in realtà già a marzo. Ho aspettato a parlarvene perché ho anche il seguito e mi sarebbe piaciuto farvi una recensione dei due volumi insieme, ma siccome le cose stanno andando per le lunghe e non so quando riuscirò a leggerlo ho deciso di iniziare a parlarvi del primo:

TITOLO: Solstice. L'incantesimo d'Inverno

AUTRICE: C.E.A. Bennet

TRAMA: Emma ha quasi sedici anni e due sorelle, Eileen e Constance.
Vivono a Saint Claire, tranquilla cittadina del Connecticut, insieme alla madre Kate e a Miranda, la misteriosa donna comparsa nelle loro vite da quando il padre le ha abbandonate. Le Hataway non sono donne normali, ma streghe costrette a nascondere la loro natura e i loro poteri per rispettare le leggi dei Custodi, ai quali devono obbedienza. Leggi che Emma ha infranto quando era solo una bambina per aiutare quelli che sarebbero diventati i suoi migliori amici, Sam e Alec. Da allora i tre sono inseparabili nonostante Emma sia costretta a nascondere il segreto che più le sta a cuore. Non è l’unica, però, a mentire alle persone che ama.
Cosa nascondono Kate e Miranda? Quali sono i terribili segreti seppelliti nel loro passato? Perché il padre è scomparso all'improvviso senza lasciare traccia?

Alec Stevens ha sedici anni e molte domande. Spesso ha la sensazione che Emma conosca tutte le risposte. Emma. Cosa lo lega a lei e allo stesso tempo la rende irraggiungibile? Che cosa nasconde? 

Nel tentativo di svelare e nascondere i segreti che li circondano, Alec ed Emma non si accorgono che qualcuno si muove e li osserva nell'ombra in attesa che arrivi il momento di mettere in atto la sua vendetta. La storia, raccontata in prima persona da Emma e Alec, inizia con due episodi dell'infanzia destinati a cambiare per sempre le loro vite. Dopo un salto di dieci anni li ritroveremo alle prese con un sentimento molto umano, un passato famigliare turbolento e dei poteri che non facilitano le cose, anzi... 

Una storia d’amore, di amicizia e di legami famigliari burrascosi, ma profondi. Con un pizzico di magia.

Questo libro mi ispirava parecchio quindi sono stata davvero contenta di aver avuto la possibilità di leggerlo e sono anche molto curiosa di leggere il seguito, anche se lo sto facendo aspettare.

Il libro è interessante e molto scorrevole, con una storia ben strutturata e dei personaggi molto interessanti. Ammetto di non aver provato una grandissima simpatia per le sorelle della nostra protagonista, anche se sono dei personaggi molto interessanti, e di aver invece adorato fin da subito il trio Sam-Emma-Alec.
Non voglio dire che le sorelle di Emma siano antipatiche, semplicemente come caratteri non mi hanno fatto impazzire, ma è una questione di gusto personale. E sono dei personaggi molto ben inseriti nella storia, con un loro ruolo fondamentale.

Ho apprezzato il fatto che la storia ci sia raccontata dai due punti di vista, quello di Emma e quello di Alec. Ammetto di aver preferito quello di Alec, soprattutto perché a volte Emma si fa veramente troppi problemi e troppe paranoie. Non è un personaggio eccessivamente lagnoso, e come protagonista mi è anche piaciuta, ma per i miei gusti è una di quelle che si fanno semplicemente troppi problemi. E a volte la storia è un po' troppo sdolcinata, soprattutto nei POV di Emma, ed ecco perché preferivo quelli di Alec.

La trama è interessante e si sviluppa bene, e l'autrice è riuscita a mantener vivo il mio interesse per tutta la durata del libro. E' una cosa che ho molto apprezzato. Non ci sono punti che rimangono in ombra, tutto riceve una sua spiegazione, ed è un altro punto positivo, anche se a volte ho avuto l'impressione che la Bennet stesse allungando un po' il brodo, certe parti avrebbero potuto essere tagliate senza che la storia ne risentisse. Però è veramente un bel libro, soprattutto se consideriamo che è di un'autrice esordiente. Quindi sì, col voto sono stata un pelino di manica larga, ma non credo di aver fatto male.

Voto:

E voi cosa ne pensate? Avete letto questo libro? O vi ispira?
Buone letture!
S.

14 commenti:

  1. Ho sempre trovato bellissima la cover di questo libro. Quasi quasi lo metto in WL.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cover è bellissima *_* E il libro non è male, anche se è un po' troppo sdolcinato in alcuni punti...

      Elimina
  2. Ciao Siannalyn, conosco questo libro ne ho parlato tempo fa anche al Rifugio. Sembra un libro carino .......
    Un saluto e buona settimana appena iniziata
    Passa a dare una occhiata al Rifugio che da ieri c'è una interessante sorpresa http://ilrifugiodeglielfi.blogspot.it/2016/05/poison-fairies-giveaway-gattesco.html
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un libro davvero molto carino (a volte forse fin troppo) ed è una lettura molto piacevole :)
      Grazie per il link, passo subito a curiosare!
      E buona settimana anche a te! :)

      Elimina
  3. Ma lo sai che le sorelle non stavano simpatiche neanche a me? Poi nel secondo si scopre molto di più su di loro, e vedrai che cambierai idea (o almeno a me è successo così ^^). Però alla fine sono contenta che ti sia piaciuto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere sapere di non essere l'unica ad aver avuto qualche problemino con le sorelle :) E il secondo spero di riuscire a leggerlo presto! :)

      Elimina
  4. L'ho letto l'inverno scorso e l'ho trovato ben scritto e coinvolgente. A me all'inizio mi stava antipaticissima Eileen, poi nel secondo libro anche le sorelle hanno più spazio e mi sono ricreduta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di riuscire a leggere il secondo in tempi brevi perché sono sempre più curiosa :)

      Elimina
  5. Oh ma che carino questo libro. Non lo conoscevo me lo segno subito. Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È sempre un piacere far conoscere nuove letture! :)

      Elimina
  6. Felice che ti sia piaciuto! In generale la pensiamo allo stesso modo, solo che a me le parti sdolcinate non hanno dato fastidio perché in quel periodo ero molto propensa a roba del genere ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, l'umore del periodo è fondamentale quando si legge un libro :) e sono curiosissima di leggere il seguito (sperando di leggerlo mentre sono nella miglior disposizione d'animo possibile! )

      Elimina

Post in evidenza

NUOVO VESTITINO PER IL MIO BLOG

Buongiorno e buon lunedì a tutti! Com'è iniziata la vostra settimana! Io oggi non ho molta voglia di andare al lavoro, così ho deciso d...

Post più popolari