RECENSIONE: CORDIALMENTE, PERFIDO

Buongiorno a tutti! Come state? E come procedono le vostre letture? Io non mi posso lamentare, anche se passerei volentieri le mie giornate seppellita sotto le coperte, con una tazza di tè caldo e un buon libro. Insomma, voglio andare in letargo!
Però, finalmente, sono qui con una nuova recensione!

TITOLO: Cordialmente, Perfido

SERIE: Truly Devious #1

AUTORE: Maureen Johnson

TRAMA: In mezzo alle montagne del Vermont, avvolta nella nebbia e isolata da tutto, sorge la Ellingham Academy, una rinomata scuola superiore per studenti particolarmente dotati. Il suo fondatore, Albert Ellingham, aveva voluto renderla un luogo magico e misterioso, pieno di enigmi, sentieri tortuosi e giardini. "Un posto" disse, "dove imparare sia un gioco". Ma poco dopo l'apertura della scuola, nel 1936, sua moglie e sua figlia furono rapite e Dottie Epstein, la studentessa più brillante del corso, scomparve nel nulla. L'unico indizio trovato era un indovinello beffardo che elencava una serie di modi per uccidere, firmato "Cordialmente, Perfido". Il caso non fu mai risolto. Ottant'anni dopo Stevie Bell, aspirante criminologa, si presenta alla Ellingham Academy con un piano ambizioso: risolvere quel mistero. Cioè, lo farà non appena si sarà ambientata e avrà conosciuto meglio i suoi coinquilini: Ellie, l'artista appassionata di meccanica; Nate, scrittore in erba che ha già pubblicato un fantasy ma non riesce a trovare ispirazione per il secondo libro; Hayes, star di YoyTube, che è diventato famoso con una serie sugli zombie; e David, misterioso nerd sul cui conto Stevie non riesce a trovare nulla online o sui social. Poi iniziano ad accadere strane cose, e tutto a un tratto ricompare a sorpresa il misterioso Cordialmente Perfido... E quando la morte visita di nuovo la Ellingham Academy, Stevie non ha dubbi: il passato è strisciato fuori dalla tomba. L'assassino è ancora in circolazione, ma questa volta non la passerà liscia. Perché lei continuerà a cercarlo. L'enigma del passato si fonde con il mistero del presente dando vita a un'indagine mozzafiato che impegnerà Stevie Bell anche nei prossimi volumi della serie.

Ammetto subito, prima di iniziare, che ad attirarmi particolarmente verso questo libro è stato il titolo. Vero, una volta tanto non è stata la copertina, ma non è che ci allontaniamo di molto. E dopo aver letto alcune recensioni positive ho deciso di buttarmici a capo fitto. Ammetto anche che il fatto di non aver riconosciuto il nome dell'autrice ha aiutato... ho letto un altro suo libro, qualche anno fa ed era stata una brutta esperienza, tanto che l'avevo brutalmente bocciato. Se avessi fatto il collegamento questo non l'avrei neanche preso in mano, quindi tutto sommato la mia memoria malandata mi ha fatto un favore... forse.

Ebbene sì, forse... perché questo libro è stato abbastanza deludente. Non posso dire che sia stata una brutta lettura e rispetto all'altro libro che ho letto dell'autrice le cose non sono state così catastrofiche. Nel complesso è stata una lettura piacevole e molto scorrevole, ma mi aspettavo qualcosa di più, soprattutto sul lato mistery del libro e, anche se in realtà ci lascia a bocca asciutta, perché per scoprire davvero cosa è successo con Cordialmente, Perfido dobbiamo leggere il seguito (o i seguiti) non credo che proseguirò con la serie. Semplicemente non è scoccata la scintilla, mi aspettavo qualcosina d più e non sono riuscita a trovarlo tra queste pagine e non ho trovato nessun personaggio che mi trasmettesse qualcosa di particolare. Alla fin fine mi erano tutti abbastanza indifferenti, certo con simpatie e antipatie, ma niente di particolare o memorabile.

Però, anche se non mi ha entusiasmato, non è stata una brutta lettura e non mi pento di averlo letto fino alla fine. Tutto sommato è una storia piacevole, narrata in uno stile scorrevole.
E a proposito dello stile avrei una cosina da dire: questo libro è classificato come YA e l'età dei personaggi è quella giusta, e ci sono anche alcune scene incentrate su un interesse romantico (o due) ma per me questo libro rimane fondamentalmente un middle-grade. Lo stile è decisamente middle-grade e anche la protagonista, il suo approccio al mondo e il suo rapporto con il mondo degli adulti sono middle-grade. Lo si potrebbe classificare come uno di quei libri di passaggio tra un'età e l'altra, tra un genere e l'altro. E probabilmente la cosa ha anche inciso sulle mie aspettative. Perché da uno YA mi aspetto determinate cose, da un middle-grade decisamente delle altre e non sono sempre in vena di leggere l'uno o l'altro, quindi probabilmente questa confusione tra i due, questo essere sulla soglia, non proprio nè di qua nè di là, nel mio caso non ha giocato a suo favore. 
Però per occupare qualche ora in maniera piacevole e un po' originale questo libro è una valida scelta, anche perché all'autrice va riconosciuto il merito di essere originale.  Mi è piaciuto anche il fatto che la storia si muovesse in due orizzonti temporali separati, permettendoci di seguire la storia del 1936 e quella ambientata al giorno d'oggi quasi di pari passo. 
E anche se nessuno dei personaggi ha risvegliato il mio interesse o la mia attenzione in maniera particolare, sono comunque un gruppo eterogeneo e originale.

Cercando di riassumere, non è un libro che boccio, perché la lettura è stata comunque piacevole e molto scorrevole, ma mi aspettavo qualcosa di diverso e, al tempo stesso, anche qualcosa di più. 

Voto:

E voi che mi dite? Avete letto questo libro? O altri libri di questa autrice? Fatemi sapere!
Buone letture!
S.

Commenti

  1. piangooooooo, me lo sono regata per il compleanno e se poi mi dici pure che non finisce e devo aspettare il seguito piango ancora più forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo il finale è quello che è... per sapere cosa successe davvero nel 1936, che è la parte di storia "principale" in un certo senso, dovremo aspettare il prossimo. Ma magari per il resto tu avrai più fortuna! :)

      Elimina
  2. Io aspettavo giusto la tua recensione per eliminarlo definitivamente, già ero restia per il fatto che non si chiude subito qui la parte mistery in più mi dici che non ti ha detto nulla di particolare per cui... mi butto su altro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me fai bene. Mi dispiace dirlo, perché il libro non è una schifezza, ma ce ne sono parecchi altri decisamente migliori!!!!

      Elimina
  3. Uhhhhm, non so. Non sono tanto convinta. Sembra avere degli elementi interessanti però... boh XD credo lo leggerò solo se dovessero regalarmelo XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pare un buon compromesso!!! ;) E' che non è che sia brutto, però non è neanche bello, ecco!

      Elimina
  4. Mmm mi incuriosiva abbastanza, ma credo che magari proverò a recuperarlo in biblioteca... ❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa potrebbe essere una buona soluzione! :)

      Elimina
  5. All'inizio quando ho letto la trama mi intrigava ma poi più lo vedevo a giro e più la mia voglia scemava.. da come lo descrivi sembra proprio una lettura che non è adatta a me :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La trama sembrava molto promettente ma purtroppo il libro non è un granchè :(

      Elimina
  6. Non mi interessava prima, e devo dire che mi interessa ancora meno ora :P mi hai salvato il portafoglio ^-^

    RispondiElimina
  7. Neanche con me è scoccata la scintilla - e ho solo letto la trama! xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, allora direi che non è proprio il caso di andare oltre! ;)

      Elimina
  8. Mah, la trama mi ispira... chissà...

    RispondiElimina
  9. Concordo con la tua valutazione nè delusa nè follemente entusiasta. Insomma, ho adorato la componente misteriosa, del caso da risolvere, ma i personaggi non troppo caratterizzati, la storia d'amore un po' a caso... Non so, mi aspettavo di più, ma confido nei prossimi libri!
    Se ti va di leggere la mia recensione la trovi qui!
    A presto!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

NOVEMBER'S TBR!

BOOKISHDOM #1

RECENSIONE: SCYTHE