mercoledì 14 maggio 2014

RECENSIONE: HALF BAD

Buona sera a tutti! Come state? Ho mille mila recensioni in arretrato e continuano ad accumularsi: è una disgrazia! Ci sono così tanti libri di cui vorrei parlarvi, ma il tempo è quello che è, e poi mi perdo spesso e volentieri con le rubriche (e ho ancora dei tag in arretrato, ma arriverà anche il loro momento, sono fiduciosa!) però cercherò di fare il possibile. Quindi, a dimostrazione della mia buona volontà oggi vi lascio la recensione di un libro che mi è particolarmente piaciuto (ok, ok, di un libro che ho adorato! *_*):

TITOLO: Half Bad

SERIE: Half Life Trilogy #1

AUTRICE: Sally Green

TRADUTTORE: Luca Scarlini

PAGINE: 400

EDITORE: Rizzoli

PREZZO: 15 euro

SULL'AUTRICE: Sally Green vive in Inghilterra. Dopo aver fatto molti lavori (pagati e no) finalmente ha trovato il tempo di scrivere le storie che prima riusciva solo a immaginare. Le piace leggere e fare passeggiate in campagna, ma vorrebbe bere meno caffè. Half Bad è il suo primo romanzo.

TRAMA: La magia esiste, ed è spaccata da una guerra millenaria. Appartenere a un fronte definisce il ruolo di ciascuno nel mondo, garantisce compagni e alleanze; ma soprattutto decide chi sono i nemici, che vanno giustiziati senza rimorso. Nathan vive in una zona grigia: figlio di una maga Bianca e dell'Oscuro più terribile mai esistito, cresce nella famiglia materna, evitato da tutti, vessato dalla sorellastra, perseguitato dal Concilio che non si fida di lui e anno dopo anno ne limita la libertà, fino a rinchiuderlo in una gabbia. La stessa guerra che divide il mondo della magia si combatte nel cuore di Nathan, in perenne bilico tra le due facce della sua anima, che davanti alla dolcezza di Annalise vorrebbe essere tutta Bianca, e invece per reagire alle angherie si fa pericolosamente Nera. Ma è difficile restare aggrappato alla tua metà Bianca quando non ti puoi fidare della tua famiglia, della ragazza di cui ti sei innamorato, e forse nemmeno di te stesso.

Ed ora tocca a me!
Questo libro è uno dei primi che ho letto il mese scorso: era uscito da poco e l'avevo visto nel reparto novità della libreria. Inutile dirvi che è stato amore a prima vista: la copertina così particolare (che al tatto risulta piacevolissima da accarezzare, provateci! :P) ha attirato la mia attenzione e il colpo di grazia me l'ha dato la frase che si legge in basso a destra:

C'è il Bene. C'è il Male. E poi ci sei tu.

So che non a tutti questa frase è piaciuta, ma io l'ho adorata: mi ha colpito e ha fatto sì che il libro se ne venisse a casa con me. Motivi abbastanza superficiali per comprare un libro, vero? Ma io sono stata fortunata, perché sin dalla prima pagina mi ha conquistato! Sono rimasta incollata alle pagine, incantata dalla magia delle sue parole, delle sue frasi e dalla storia, che è coinvolgente, interessante, appassionante e meravigliosa. 

Sally, stai già lavorando al secondo libro, vero??

In quarta di copertina è riportata la seguente frase, presa dal Publishers Weekly: "Era dai tempi di Harry Potter che non mi immergevo così completamente in un romanzo". Ammetto che mi ha fatto parecchio storcere il naso perché, diciamocelo, qualsiasi editore che pubblichi su un libro una frase in cui il libro in questione viene paragonato a Harry Potter o al Signore degli Anelli in realtà vuole male all'autore e cerca di sabotarne la vendita.
Se mi paragonate il libro a uno di questi due colossi, io, come minimo, mi aspetto che in qualche modo si assomiglino, che abbiano un qualcosa che richiami uno di questi capolavori ma, spesso e volentieri, il libro non si rivela all'altezza e le aspettative vengono amaramente deluse. Forse, se la casa editrice non avesse sollevato delle aspettative così alte, il libro sarebbe stato carino, ma così ci sentiamo presi in giro e delusi. 
Tutto questo per dire che mettere in copertina un paragone con Harry Potter/Il Signore degli Anelli di solito è una cavolata colossale!!!!
Ma, in questo caso, posso felicemente ammettere di essermi sbagliata: ho storto il naso ma non avrei dovuto! Il paragone con Harry Potter (che in questo caso era anche abbastanza lato, non era un vero paragone) è azzeccato: certo non ha la grandiosità della creazione della Rowling, certo la scrittrice non si è divertita così tanto con i nomi dei suoi personaggi come invece ha fatto la "mamma" di Harry Potter e certamente Nathan non è Harry, però ci sono molte similitudini, cose che ricordano la saga del celebre maghetto, ma non fraintendetemi: non è una scopiazzatura o un copia-incolla, semplicemente ci sono alcune cose che fanno venire in mente la serie più nota e amata, ma per me è stata una cosa positiva.

Altra cosa positiva è la storia, interessante, coinvolgente e originale. Ma non solo! La trama è ben sviluppata, ci sono diversi colpi di scena che si abbattono sul lettore come fulmini a ciel sereno (e vorrei davvero dirvi di più, ma non posso mica mettermi a fare spoiler, no? :P), i personaggi sono ben definiti, ben caratterizzati e ognuno è unico e, a modo suo, indimenticabile. Le ambientazioni e le atmosfere sono rese in maniera perfetta, senza che ci siano descrizioni troppo lunghe o noiose e il mondo inventato dall'autrice funziona benissimo e tutti i suoi ingranaggi sono ben oliati.

Ma le due cose che mi hanno davvero conquistato, quelle che mi hanno fatto venire gli occhioni a cuoricino sono state due:

1) Nathan. Il protagonista è...wow! E' un personaggio a tutto tondo, reale fin nei minimi particolari, che entra nel nostro cuore e non ne esce più. Pian piano impariamo a conoscerlo e gioiamo con lui, soffriamo per lui e con lui, proviamo esattamente tutto quello che prova lui e non solo! A me ha fatto una tenerezza incredibile, mi si stringeva proprio il cuore. Difficilmente un personaggio è riuscito a toccarmi così, a commuovermi così profondamente e a farmi desiderare di poterlo adottare, tirarlo fuori dalle pagine e dargli una tazza di cioccolata e un sorriso. Ad essere precisa penso sia la prima volta in assoluto che mi sono sentita così.
Il libro meriterebbe tantissimo già solo per lui.

2) Lo stile. E' semplicemente meraviglioso. La narrazione passa dalla prima alla seconda persona: a volte seguiamo gli avvenimenti grazie allo sguardo di Nathan, che è anche il nostro narratore privilegiato e altre volte Nathan si rivolge direttamente a noi, ci chiama in causa, ci coinvolge direttamente nella storia e parlando a noi parla, in realtà a se stesso. Non è una cosa semplice da gestire ma la Green ci riesce benissimo (e qui bisogna davvero farle i complimenti, perché non è una cosa da tutti!) e non è neanche una scelta semplice, perché non tutti apprezzano quando il narratore si rivolge al lettore usando il "tu". Personalmente è una cosa che di solito non mi dispiace e che in questo caso particolare ho proprio adorato.

Un'ultima cosa che mi pare giusto aggiungere: l'edizione della Rizzoli è proprio fatta bene. Spendo sempre un sacco di parole quando  un'edizione non mi piace e quindi mi pare giusto spendere qualche parola anche per quelle che, invece, mi piacciono: la grandezza del carattere è perfetta, l'impaginazione mi è piaciuta molto e tutta l'edizione, nel complesso, mi ha soddisfatto (e ultimamente sta diventando una cosa difficile!!).

Voto:e mezzo


E voi, cosa ne pensate? L'avete letto? O avete intenzione di leggerlo? Se volete un consiglio, beh, non lasciatevelo scappare!
Buone letture!
S.

35 commenti:

  1. Oooh!!! Bellissima recensione!! Sono contenta che ti sia piaciuto. L'ho appena comprato e del tuo giudizio mi fido ciecamente!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! *__* E che onore!!! :$ :$ :$
      Non vedo l'ora di sapere cosa ne pensi! :)

      Elimina
  2. Son sempre più convinta a leggerlo *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggilo, leggilo! *__* Merita davvero tantissimo! :)

      Elimina
    2. Leggilo, leggilo! *__* Merita davvero tantissimo! :)

      Elimina
  3. Allora, dire che ho visto in giro questo libro è poco...in pratica mi perseguita, spunta dappertutto e ammetto che non avevo neanche mai letto la trama, fino ad ora almeno...non sapevo che parlasse di magia e adesso LO VOGLIOOOOO!!!! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era un segno del destino: cercava di convincerti a portartelo a casa! :P Eheh... è irresistibile! ;)
      E' davvero carinissimo e la storia è pure originale: insomma merita parecchio! :)

      Elimina
  4. Ok! Basta!! Voglio sapere anche io! Lascio perdere l'edizione inglese e recupero quello italiano!! Va bene che leggo in lingua ma non sono ancora arrivata a leggere un mattone D:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro è davvero meraviglioso e merita di essere letto (giusto per non peggiorare la situazione :P) ma se leggi in lingua non credo che l'edizione originale ti causerà grossi problemi: l'ho letto in italiano quindi non posso esserne sicura, ma non dovrebbe presentare grosse difficoltà :)

      Elimina
  5. Ogni recensione positiva che leggo fa salire questo libro di una tacca sul mio "ispirometro"!!! X-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, evviva!!! :) Secondo me merita davvero tanto! :)

      Elimina
  6. Lo voglio leggere subitooo!! *___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh sì!! Leggilo, leggilo, leggilo!! *___* E poi, ovviamente, fammi sapere cosa ne pensi! :P

      Elimina
  7. Sembra interessante assai *_* e dire che la copertina mi ispirava zero assoluto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' davvero molto, molto carino :) E la copertina è... particolare. All'inizio diceva poco anche a me, ma poi me la sono trovata davanti in libreria e l'ho preso in mano (e questo è stato un errore! Perché è strana al tatto, si fa proprio accarezzare bene *_*): conquistata in un nanosecondo! :P

      Elimina
  8. Okay...devo ammettere che l'ultima volta che sono stato in libreria e l'ho visto c'è stato un conflitto tra angioletto e diavoletto sulle spalle e...il libro è rimasto lì...
    Ma qualcosa mi aveva solleticato nella trama, nella copertina, in quella frasetta piccolina li in basso... ma c'è un elemento di questa recensione che mi ha definitivamente convinto: il fatto che si rivolga al lettore! Adoro quando lo fanno e quando ci riescono in maniera efficace e...basta dubbi insomma!:D Grazie Sia!!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli angioletti ogni tanto dovrebbero farsi gli affari loro! :P
      Il libro merita davvero parecchio *_* e spero che tu riesca a leggerlo presto (e, soprattutto, che ti piaccia! ^_^).

      Elimina
  9. Bellissima recensione *------* adesso devo proprio decidermi a leggerlo!
    Anche io quando vedo che il libro è paragonato ad un libro più famoso mi fa storcere il naso, se un libro è bello deve contare sulle proprie forze per ottenere il successo non aggrapparsi a quelli degli altri :3
    Ma sono contenta di sapere che il libro piace a molti perché è bello non perché ricorda qualche altro libro, devo leggerlo il prima possibile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! *__*
      Mi fa piacere non essere l'unica a storcere il naso in quei casi!!! :)
      E comunque questo libro merita parecchio ed è proprio fatto bene (almeno, secondo me :) ). Ovviamente se lo leggi fammi poi sapere cosa ne pensi, sono sempre curiosa! :)

      Elimina
  10. Io l'avevo iniziato, ma a causa di altre letture ho dovuto interromperlo! Lo continuerò al più presto e magari nel frattempo lo trovo in cartaceo *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto per non fare pubblicità (:P) ma il cartaceo è qualcosa di veramente stupendo! :P

      Elimina
  11. Yay!!! *-*
    Voglio assolutamente leggerlo: mi hai entusiasmato! È vero che Half Bad era già in wishlist ed è vero che ho letto tantissime recensioni positive, ma la tua è speciale perché sei tu e vale di più! U_U
    Se avessi detto il contrario, sono certa che, pur volendo leggerlo, il mio entusiasmo sarebbe calato. E invece... *-*

    p.s. Quella frase è meravigliosa! Perché non è piaciuta? =/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh ma che onore!!! :$ :$ :$ :$ *___________* Sei davvero carina! (E io saltello in giro ;) ).
      Spero si riveli all'altezza! ^_^

      Hmm... ad alcuni non è piaciuta perché sapeva un po' di "accusa" o di "sminuimento" (parola che non esiste, ma penso renda bene... si capisce, vero?) o, almeno così ho letto in giro... :)

      Elimina
    2. Sì, si capisce :3 Non ho avuto quella impressione e capisco perché ti piaccia tanto *^*

      Elimina
  12. molto bella questa recensione, non mi ero mai interessata a questo libro sino ad ora

    RispondiElimina
  13. Sicuramente lo leggerò.. mi ispira tantissimo *__*
    E la tua recensione mi ha incuriosita ancora di più :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, evviva evviva evviva! *___________*

      Elimina
  14. Quello di paragonare qualsiasi fantasy a Harry Potter/Signore degli Anelli/Twilight, ormai è diventata una prassi talmente inflazionata che non ci faccio quasi più caso! :P In compenso, ero un po' spaventata da tutta la "pubblicità" che ronzava intorno a questo titolo... ma devo dire che la tua recensione mi ha rincuorato: ora voglio leggerlo anch'io assolutamente! *____*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente hai ragione, ormai è una cosa praticamente scontata :P
      Oh, evviva!!! *__________* Il libro, secondo me, merita davvero parecchio :)

      Elimina
  15. Come ho potuto perdere questa tua recensione? Ultimamente mi sembra di aver vissuto davvero su un latro pianeta! La tua recensione mi da l'ennesima conferma che devo leggere Half Bad sperando che la scintilla con questo libro scocchi anche per me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te lo auguro! Con me più che di una scintilla si è trattato di veri e propri fuochi d'artificio! :P

      Elimina
  16. Voglio leggerlo. Lo volevo già prima e dopo questa recensione smanio per leggerlo. *^*
    Anche a me è piaciuta la frase, trovo sia d'effetto e bella anche nel significato.
    Vedo che non sono l'unica a non sopportare paragoni. XD Trovo che siano fatti spesso solamente perché si pensa possano aiutare le vendite... nel mio caso mi fanno partire prevenuta, penso sempre che sarà qualcosa di peggio del romanzo citato. E poi sembra che non possano esserci fantasy che non siano HP o LOTR, o distopici che non siano HG. -.-
    Ok, sto divagando. :P Torniamo a Half Bad che è meglio. Anche non fosse stato in wishlist, mi avresti convinta a leggerlo. :3 E sono molto curiosa sul cambio di persona, quando è gestito bene dà quel tocco in più di originalità. :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh evviva, mi fa davvero piacere! *___________*
      Anch'io parto sempre prevenuta con i paragoni e concordo in pieno: un fantasy può essere bello anche se non è nè HP, né LOTR, però sembra un concetto difficile :P
      Comunque sono contenta di averti "convinto" a leggerlo e, ovviamente, se lo leggi fammi sapere cosa ne pensi che sono curiosa :)

      Elimina