mercoledì 29 aprile 2015

WWW... WEDNESDAY #12

La rubrica WWW... Wednesday è ideata dal blog Should be reading.

Buongiorno a tutti! Come state? Come procedono le vostre letture? Le mie sono di nuovo rallentate, e avrei voluto già presentarvi alcuni dei post di recap di fine mese, ma non ci sono riuscita, perciò li ho rimandati, visto che oggi tocca a questa carinissima rubrica!

1)What are you currently reading?
2)What did you recently finish reading?
3)What do you think you'll read next?

What are you currently reading?



I'll give you the sun di Jandy Nelson. In realtà non l'ho ancora iniziato, ma lo inizierò oggi per una buddy read (*-*) quindi lo inserisco in questa categoria perché questa sera lo inizierò (o forse anche prima! Non vedo l'ora). Poi sto leggendo The Firebird Mystery di Darrell Pitt, che fa sempre parte del mio bottino di Netgalley e che è molto carino e, infie, Aforismi di Oscar Wilde, che ho iniziato perché avevo bisogno di un cartaceo da leggiucchiare nei tempi morti.

What did you recently finish reading?



 Mi sposo a New York di Cassandra Rocca, carino e leggero, The Dark Wife di Sarah Diemer, che aveva un'idea di base molto carina ma che si è rilevata una lettura banale e noiosetta. Some quiet Place di Kelsey Sutton, che ho adorato. Perché ho aspettato così tanto???? E, dulcis in fundo, Vision in Silver di Anne Bishop. Datemi ora il seguito e nessuno si farà male!!!

What do you think you'll read next?



Come al solito questa domanda mi coglie impreparata. Ci riprovo e dico Shadows & Dreams di Alexis Hall, perché voglio veramente leggerlo. Ci riuscirò?

Bene, questo è tutto... e voi cosa mi dite? Cosa state leggendo? Cosa avete finito di leggere? E cosa leggerete dopo? Ditemi, ditemi!
Buone letture!
S.
 

venerdì 24 aprile 2015

RECENSIONE: BLOOD AND BONE

Buongiorno a tutti! Ieri è stata la giornata mondiale del libro. Come l'avete trascorsa? Io benissimo! Ho deciso di prendermi una pausa da tutto e tutti e mi sono dedicata alla lettura. Mi ha tenuto compagnia Vision in Silver di Anne Bishop e non avrei potuto chiedere di meglio!
Ma ora la smetto di cianciare e passo alla recensione di oggi, in cui vi parlerò di un libro che fa parte del mio bottino di NetGalley... quindi, grazie di nuovo NetGalley!

TITOLO: Blood and Bone

AUTRICE: Tara Brown

TRAMA (velocemente tradotta da me): Cosa faresti se tutta la tua vita fosse una bugia e tu fossi l'unica a non saperlo?
Jane ha fatto molta strada dal terribile incidente automobilistico che le ha rubato tutti i suoi ricordi. Ed ora vive la vita di una commessa con un ragazzo innamorato pazzo di lei, lo splendido dottore dagli occhi verdi, Derek. E questa vita è così felice che lei non ha nessuna intenzione di indagare sul suo passato.
Ma il passato insiste nel far visita a Jane. Alcune persone pensano che lei sia Samantha, una ragazza morta che è uguale, in tutto e per tutto, a lei. E Jane adesso è decisa a scoprire la connessione tra lei e questa misteriosa ragazza e questo la porterà a mettere in discussione tutto, dalla sua relazione con Derek alla sua stessa salute mentale. Dovrebbe credere a Rory, l'uomo che insiste che lei sia davvero Samantha? O dovrebbe credere a Derek, che le ha sempre offerto amore e un rifugio... ma che potrebbe avere altre ragioni per tenerla al sicuro?
Chi sta dicendo la verità e chi, invece, sta nascondendo qualcosa?

Ed ora tocca a me! 
Ho scelto la trama di Netgalley invece di quella di Goodreads perché mi sembrava migliore, anche se quella su Goodreads forse è più intrigante.

Comunque... veniamo a noi! E' stata una lettura incredibile, che mi ha catturato e non mi ha lasciato andare fino a quando non l'ho finito! Per darvi un'idea di quanto fosse accattivante vi racconterò l'odissea che ho attraversato per leggerlo: mi sono accorta in ritardo che la copia di lettura che NetGalley ha messo a mia disposizione era un pdf, e al mio Kobo i pdf stanno parecchio antipatici, quindi è un calvario leggerli (rimangono scritti piccolissimi, sempre e comunque quindi devo zummare e, di conseguenza, per leggere una pagina devo toccare mille volte lo schermo, perché la pagina si decentra... insomma, è un'agonia). Perciò avevo deciso di leggerlo al pc, magari leggendone pochi capitoli per volta... ma ahimè! Una volta iniziato non riuscivo più a smettere, quindi sono passata al Kobo e ho sopportato la lenta agonia perché dovevo assolutamente sapere cosa stava succedendo.

Perché il centro della recensione è proprio questo "Cosa accidenti sta succedendo???". Ci ritroviamo invischiati in una storia strana, intrigante, che continua a cambiare di pagina in pagina, finché non ci troviamo persi e confusi, proprio come la nostra protagonista. Chi sta dicendo la verità? Chi sono davvero i buoni? E cosa diavolo sta succedendo?

Un thriller psicologico che vi terrà incollati alle pagine e che mi ha ricordato molto, per la capacità di creare colpi di scena inaspettati e per i suoi personaggi, Gillian Flynn, anche se questo libro mi è piaciuto molto, ma molto di più dei libri che ho letto della Flynn.
Trama e personaggi sono spettacolari e vi lasceranno col fiato sospeso! Però non è un libro perfetto, i difetti ci sono e si vedono.
Intanto i protagonisti: sono caratterizzati benissimo e catturano l'attenzione, però ogni tanto diventano pesanti perché Derek è veramente troppo perfetto e Jane, invece, è decisamente troppo indecisa: un momento prima giura e spergiura che si fiderà di X e quindi farà così e così, e due minuti dopo fa tutto il contrario e non si fida più di X, ed è una cosa che fa in continuazione. 
Capisco che per il genere di storia che l'autrice intesse è necessario questa indecisione e che i personaggi non potrebbero essere altrimenti, però ogni tanto diventano un pochino pesanti (anche se in realtà non è una cosa che incide troppo sulla lettura).
L'altro difetto che, invece, mi ha pesato un po' di più è questo: le scene di sesso. Magari un paio ci potevano anche stare ma ce ne sono troppe, almeno per i miei gusti. Non è che ci siano scene di sesso ogni tre pagine, non voglio dire questo, però rallentano la narrazione. In fondo questo non è un romance  ma un thriller psicologico, ed anche ben fatto, quindi non sono necessarie (a mio parere sono proprio inutili) e mentre i due protagonisti sono in preda all'estasi tu, lettore, sei in preda all'agonia perché vuoi sapere cosa accidenti sta succedendo e l'autrice perde tempo a farti vedere i loro rituali d'accoppiamento! Ma chi se ne frega!!! Voglio sapere chi è chi e come va a finire, per la miseria!

Adesso che mi sono sfogata posso anche finire la recensione, passando in rassegna un ultimo difetto: il finale di per sé è un po' confusionario. Certo, il colpo di scena è spettacolare e l'autrice si degna di dirci anche qualcosina di più e la cosa mi è davvero piaciuta tanto, ma le spiegazioni che dà fanno rimanere il tutto un pochino confuso, avrei preferito che fosse più chiara.

Ma, nonostante tutto, è riuscito a tenermi incollata alle pagine fino alla fine, mi ha incuriosito, intrigato, confuso e appassionato, quindi si merita decisamente un bel voto!


E voi cosa ne pensate? Vi incuriosisce?
Buone letture!
S.

mercoledì 22 aprile 2015

WWW...WEDNESDAY #11



La rubrica WWW... Wednesday è ideata dal blog Should be reading.

Buongiorno a tutti! Come state? Come procedono le vostre letture? Ieri sera ho iniziato due libri che mi stanno prendendo tantissimo e ho fatto veramente fatica a staccarmi da entrambi. Sta sera spero di poter fare il bis e immergermi nella lettura! In compenso non ho letto quello che avevo detto di voler leggere nella puntata scorsa (mamma mia, che frase contorta!) ma ci si sono messe di mezzo alcune cosette, di cui vi parlerò a breve. Ora la smetto di cianciare e passo alla rubrica!

1)What are you currently reading?
2)What did you recently finish reading?
3)What do you think you'll read next?

What are you currently reading?



Vision in Silver di Anne Bishop, il terzo volume della serie The Others, non credo di dover aggiungere altro su questo libro (<3), e Blood and Bone di Tara Brown, che fa parte del mio bottino di NetGalley. E' un thriller psicologico davvero molto intrigante. Mi ha tenuto incollata alle pagine e, in un paio d'ore, mi sono ritrovata ad averne divorato la metà. E ne voglio ancora!!!!!

What did you recently finish reading?





Scusate per le immagini messe un po' alla cavolo, ma blogger non ne vuole sapere. Onislayer di Barbara Schaer ha rischiato di rimanere nello stesso posto della settimana scorsa (e cioè sotto la domanda "What are you currently reading?") perché l'ho finito ieri pomeriggio, più per miracolo che per altro. Non posso puntare il dito su qualcosa di preciso, perché è scritto bene, i personaggi sono ben fatti e la storia funziona bene ed è interessante, ma non mi è piaciuto. La storia non mi è proprio piaciuta. Poi ho letto Chaos di Patrick Ness, che puntavo da una vita e che mio fratello ha portato a casa l'altro giorno (casualmente, io non gli ho detto niente... coff coff!). Poi ci sono Nei Luoghi Oscuri di Gillian Flynn, Twisted Dark di Neil Gibson e The Worrier's Guide to Life di Gemma Correll. Il mio bottino su Netgalley e il libro che mio fratello ha portato a casa sono il motivo per cui non ho letto quello che mi ero ripromessa la settimana scorsa.

 What do you think you'll read next?





Ok, ci riprovo e dico che leggerò Some quiet Place, ma ci aggiungo anche Shadows & Dreams di Alexis Hall, il secondo della serie dedicata a Kate Kane (il primo è Iron & Velvet). Mi ero ripromessa di non iniziarlo finché non avessi scritto la recensione del primo. Visto che sono stata brava e l'ho già pubblicata mi merito un premio e quindi spero di iniziare il secondo volume nel fine settimana.



E questo è tutto! E voi? Cosa state leggendo? Cosa avete appena finito di leggere? E cosa leggerete dopo?
Ditemi che sono curiosa!
Buone letture!
S.

martedì 21 aprile 2015

MINIRECENSIONI #8

Buongiorno gente! Come state? Come procedono le vostre letture? Io ho deciso di farmi del male e, l'altra sera, sono tornata a girovagare su Netgalley (e proprio non ne avevo bisogno, visto tutte le letture arretrate che ho già di mio). E' praticamente impossibile lasciare quel sito a mani vuote e oggi voglio parlarvi di una parte del mio bottino, che questa volta è composto principalmente da graphic novels e consimili:

TITOLO: The Worrier's Guide to Life

AUTRICE: Gemma Correll


Di questo non  posterò la trama perché, in realtà, è irrilevante. E' un'insieme di illustrazioni (con testo) che parlano della vita di ognuno di noi, prestando particolare attenzione alle ansie che ci affliggono.
Sembrerebbe incentrato sulle persone estremamente ansiose (e anche se alcune tavole lo sono) in realtà affronta con ironia e simpatia tutte le cose che, bene o male, "affliggono" la nostra vita (per citare una nota pubblicità "contro il logorio della vita moderna..."!).

Conoscevo vagamente questa autrice/artista, perché avevo già visto qualche suo lavoro su internet, ma non le avevo prestato attenzione, ma ora credo proprio che rimedierò. La lettura di questa sua opera si è rivelata divertente e, anche se ogni tanto era un pochino ripetitiva, mi è davvero piaciuto molto. Ho trovato alcune delle sue tavole geniali e altre molto interessanti. Mi sono piaciuti, ad esempio, gli adesivi per adulti, mentre ho trovato geniale La ruota dell'Insonnia, che mi ha fatto sghignazzare.

E' adatto per una lettura veloce, quando si ha voglia di staccare la spina e, magari, cercare di prendere la vita un po' più alla leggera.

Il prossimo titolo che vi presento, invece, è di genere completamente opposto:

TITOLO: Twisted Dark vol.1

AUTORE: Neil Gibson

DISEGNATORI: Atula Siriwardane , Caspar Wijngaard, Heru Prasetyo Djalal, Jan Wijngaard, Ant Mercer, Dan West 

TRAMA (velocemente tradotta da me): Questo è il primo volume dell'acclamata serie, firmata Neil Gibson, di racconti "contorti". 
Questo volume contiene 12 storie uniche che, in un modo o nell'altro, sono connesse fra di loro. Spetta al lettore trovare le connessioni fra una storia e l'altra, alcune sono chiare e lampanti, altre diventeranno chiare nei volumi seguenti. Questa serie è stata pensata per essere letta e riletta, in cerca di indizi e connessioni. L'autore descrive la sua opera come thriller psicologico, ma nel libro troverete anche storie horror, storie oscure (e magari anche di pazzia), che ricoprono ogni singola emozione umana, attività illegale e brutale realtà. Con l'aiuto di disegnatori diversi riesce a dare il giusto spazio allo sviluppo di ogni singolo personaggio.


L'idea di base (cioè una raccolta di storie che, in un modo o nell'altro, si intrecciano fra di loro) mi aveva incuriosita e ammetto che ero anche ben disposta verso una lettura un po' inquietante. E devo dire che questo volume ha soddisfatto pienamente le mie aspettative. Non solo è inquietante e intrigante (così intrigante che non riuscivo a staccarmene) ma è anche ironico, a tratti. Era tutto quello che mi aspettavo e anche qualcosa di più e non posso che aspettare con ansia il momento in cui riuscirò a mettere le mani sul secondo volume, perché deve essere mio e deve esserlo al più presto.

Mi è andato a genio fin da subito, la presentazione che l'autore fa di se stesso mi ha conquistata e da lì è stato amore. Mi sono immersa in queste storie, ognuna di esse con le proprie particolarità, i propri personaggi e il proprio stile, e mi sono lasciata trascinare da loro, aspettando sempre con ansia la svolta finale, quella che cambia completamente di senso a tutta la storia. Se cercate una lettura inquietante questa è altamente consigliata. Ho fatto veramente fatica a staccarmene!

Ah, una piccola menzione d'onore a Caspar Wijngaard, perché è, tra tutti, il mio artista preferito, ed è pure quello che ha illustrato le storie che mi sono piaciute di più! Well done!!!!

Ed ora ecco l'ultimo volume:

TITOLO: Sweet Blood

AUTRICE: Kim Seyoung

TRAMA (velocemente tradotta da me): Suho è uno studente delle superiori che conduce una vita difficile, perché i suoi parenti non si curano di lui. Inoltre, dopo uno strano sogno, si sveglia con delle strane ferite al collo e sui polsi.
Intanto, in un altro mondo, il re del Mondo Fantastico Meridionale sta affrontando un problema serissimo: la mancanza di sangue, e questa mancanza per lui vuol dire meno forza nei combattimenti. Deve assolutamente trovare degli umani e nutrirsi del loro sangue. Quindi i suoi servi e il suo drago sono alla ricerca di umani che possano assolvere al compito.
Alla fine incontrano Suho, che ha un sangue davvero molto dolce. Quindi il drago gli chiede di andare con loro, nel loro mondo, e Suho accetta per sfuggire alla sua vita. Ma c'è solo un piccolo problema: il re odia i ragazzi. 
Il drago suggerisce quindi di travestire Suho da ragazza, sperando che il re non se ne accorga.


In realtà la trama non è proprio fedelissima al racconto, ma rende comunque l'idea di cosa ci aspetterà durante la lettura. 
Inizio col dire che questo è il primo manhwa che leggo (stessa cosa dei manga, ma, al posto di essere giapponese, è coreano). E' una vita che volevo leggerne uno e finalmente ne ho avuto la possibilità, evviva!

Certo, la storia di per sè non è proprio il massimo dell'originalità, però è stata una lettura molto piacevole. La storia è comunque interessante, mi è piaciuto lo stile dei disegni e i personaggi mi hanno incantato. Ognuno, a modo suo, ha del potenziale e spero di poterne sapere di più (soprattutto, spero di poterne sapere di più al più presto!!!). In particolare il protagonista ha un carattere particolare che lo rende adorabile (o forse sono io, perché ho un debole per questo tipo di personaggi) e il draghetto è carinissimo. Più draghetto per tutti! 

Il voto di questi tre volumi è lo stesso:


Anche se sono di tre generi completamente diversi, mi sono piaciuti tutti tantissimo e non posso che consigliarveli vivamente, se il loro genere vi ispira.
Che ne dite? Come vi sembrano?
Buone letture!
S.

lunedì 20 aprile 2015

IN MY WISH LIST #17

Questa rubrica non ha bisogno di molte spiegazioni, a cadenza casuale vi aggiornerò sulle nuove entrate della mia wish list del blog, che potete consultare qui.

Buon inizio settimana a tutti! Oggi sono tornata con un'altra puntata dedicata al mio buco nero! Vi avviso anche che verso fine mese, insieme a tutti i post di recap tipici di questo periodo pubblicherò anche un post per parlarvi dei libri che sono passati al lato oscuro, cioè di quei pochi fortunati che dalla wish list del blog sono passati alla categoria di libri letti!
Sistemando la wish list del blog ho notato che ormai conta pure lei più di cento libri e quindi è ora di fare pulizia ed eliminare almeno quei pochi (pochissimi, sigh!) che sono riuscita a leggere.
Siete avvisati!!

Il primo libro che vi presenterò oggi l'ho scoperto grazie a Sophie:

TITOLO: Lies my girlfriend told me

AUTRICE: Julie Anne Peters

TRAMA (velocemente tradotta da me): Quando la carismatica ragazza di Alix, Swanee, muore per un improvviso arresto cardiaco, Alix è travolta dal dolore. E mentre cerca nella camera di Swanee dei ricordi della loro relazione trova il suo cellulare, che suona per una dozzina di messaggi di uno sconosciuto, L.T. E l'ultimo recita "Per favore, dimmi cosa ho fatto. Per favore, Swan. Te amo. Ti amo.".

Confusa e tradita, Alix scopre che Swanee aveva una doppia vita e che, di nascosto, durante tutta la loro relazione, lei usciva anche con una ragazza che si chiama Liana. Alix scrive un messaggio a Liana con il cellulare di Swanee, per raccogliere informazioni prima di incontrare la ragazza faccia a faccia e comunicarle la triste notizia.

Conosciutesi per le bugie di Swanee, Alix e Liana diventano più intime di quanto avrebbero ritenuto possibile. Ma Alix sta ancora nascondendo la verità a Liana. Alix sa come ci si sente quando gli altri ti mentono, ma se raccontare la verità a Liana volesse dire perderla?

E' una trama che mi incuriosisce davvero parecchio e spero che il libro si riveli all'altezza delle mie aspettative. I prossimi libri che vi presento, invece, li ho scoperti grazie al blog Libri d'Incanto:

TITOLO: Un amore su misura

AUTRICE: Sugar Jamison

TRAMA: Ellis Garrett è una ragazza che non teme sfide. Insoddisfatta della sua vita è fuggita da New York, lasciando un lavoro prestigioso e un fidanzato ipercritico, per rifugiarsi nella cittadina natale dove ha aperto un negozio dedicato a tutte quelle donne che come lei non rientrano nelle taglie ufficiali. Al Size Me Up le clienti non si sentono strane, ma solo piacevolmente diverse: Ellis infatti è convinta che non sia necessario essere una Barbie taglia 40 per sentirsi felici e che ci si debba godere un pasticcino (o due) ogni tanto, senza troppi sensi di colpa. Ma tutto il suo coraggio si dilegua quando per caso incontra il sexy poliziotto Mike Edwards, vecchio flirt della sorella per cui lei si era presa una strepitosa cotta. Mike non la riconosce, ma è immediatamente attratto dalle sue curve... decisamente pericolose. Più Ellis lo respinge, più lui è deciso a conquistarla, con qualunque mezzo. Che entrambi abbiano trovato la loro taglia perfetta?

TITOLO: Death's End

AUTRICE: S.M. Reine

TRAMA (velocemente tradotta da me): Le relazioni di polizia tra il Paradiso, l'Inferno e la Terra sono incasinate e violente, ma Elise Kavanagh e James Faulkner sono i migliori in quel campo, fino a quando non si imbattono in un lavoro così brutale che li mette seriamente alla prova.
Adesso loro hanno finto di essere persone normali per cinque anni, lasciandosi alle spalle la loro storia e il loro terribile segreto. Elise lavora in un ufficio e James ha una piccola azienda. Nessuno dei loro amici sospetta minimamente che una volta erano una dei migliori team di assassini del mondo.
Ma dopo anni di tranquillità qualcosa inizia a smuoversi. Le persone iniziano a scomparire. Demoni compaiono nelle ombre della notte. Un bambino è stato posseduto.
Alcuni nemici non hanno proprio intenzione di lasciare che i segreti del passato rimangano sepolti.

TITOLO: Lezioni di seduzione

AUTRICE: Emma Wildes

TRAMA: Fra gli scaffali polverosi di una libreria, Brianna scopre un libro scandaloso che farebbe bene a non prendere, pieno di parole che una dama come lei non dovrebbe nemmeno pronunciare. Ma la curiosità è femmina, e Brianna intravede fra quelle pagine la possibilità di dare una veste nuova alla sua vita e al suo matrimonio. È sposata con Colton Northfield, un aristocratico influente e irresistibile, ma freddo e fin troppo rispettoso... I consigli di una cortigiana come lady Rothburg sono ciò che le serve per far innamorare suo marito, e lei è disposta a seguirli alla lettera pur di trasformarsi in una donna coraggiosa e sensuale, una maestra del piacere. Capitolo dopo capitolo, guidata dalla voce audace e senza scrupoli dell’irriverente scrittrice, Brianna scoprirà cosa significa essere una vera donna, svelando nuovi aspetti della propria personalità.

Il sapore di questo romanzo vi rimarrà impresso, avvolgendovi e conducendovi al di là della pagina scritta.

Sono proprio tre generi diversi, ma mi ispirano tutti e tre. E adesso tocca ai libri che ho scoperto grazie a Serena:

TITOLO: In vacanza con papà

AUTRICE: Dora Heldt

TRAMA: La giovane Christine è in partenza con un’amica per un’isola nel Mare del Nord. Sua madre, però, deve affrontare un’operazione al ginocchio, e così le «appioppa» il marito, Heinz, settantenne egocentrico, pasticcione, iperprotettivo, ma soprattutto fermamente convinto che la figlia non abbia ancora raggiunto la maggiore età. Ce ne sarebbe già abbastanza per promettere un’estate «turbolenta», ma la povera Christine non sa che sull’isola la aspettano un’intera banda di pensionati pronti a imbarcarsi con Heinz in improbabili progetti edilizi, un giornalista isterico che si invaghisce di lei e un uomo bellissimo e misterioso che la attrae irresistibilmente. E non potrebbe essere proprio lui il punto di svolta della sua vacanza, e forse della sua vita? Se solo non ci fosse di mezzo il suo vecchio agguerrito disposto a tutto pur di «proteggere» la figlia da un tipo – secondo lui – troppo affascinante per non nascondere qualcosa di losco... Tra commedia brillante, romanzo al femminile e poliziesco leggero, In vacanza con papà svela il lato comico di un conflitto generazionale: quello tra la prima «maturità» e la «seconda giovinezza». 

In realtà questo è il terzo di una serie, quindi mi devo informare sui volumi precedenti, ma sembra davvero promettente!

TITOLO: La verità di Amelia

AUTRICE: Kimberley McCreight

TRAMA: Non è da lei. Mentre si fa largo tra i passanti, Kate Baron ripensa incredula alla telefonata che l’ha costretta a lasciare una riunione decisiva per la sua carriera: dopo essere stata scoperta a copiare, sua figlia Amelia è stata sospesa con effetto immediato dal preside della Grace Hall, uno degli istituti privati più esclusivi di New York. Non è da lei, continua a ripetersi Kate, finché non si trova davanti a una scena sconvolgente. L’ingresso della scuola è bloccato da un cordone di agenti di polizia, vigili del fuoco e paramedici. E la causa è proprio sua figlia. Per la vergogna, Amelia si è suicidata, lanciandosi dal tetto dell’edificio. Col suo mondo ormai in pezzi, Kate si chiude in un bozzolo di dolore e sensi di colpa, ma alcuni giorni dopo la tragedia riceve un inquietante SMS anonimo: Amelia non si è buttata.
Cosa significa? Possibile che la verità sia diversa da quella sostenuta dalle autorità scolastiche? Possibile che ci sia un’altra verità? Kate deve saperlo. Deve raccogliere le forze e scandagliare la vita della figlia, una vita segnata da ombre e segreti di cui lei neppure sospettava l’esistenza. E, a poco a poco, una domanda inizia a tormentarla. Chi era veramente Amelia? Solo trovando la risposta, Kate potrà rendere giustizia alla figlia. Solo così riuscirà a porterà alla luce la verità di Amelia.

Bene, direi che questo è tutto! E voi cosa mi dite? Conoscete questi libri? O vi ispirano? E quali sono le vostre new entry in wish list?
Buone letture!
S.

venerdì 17 aprile 2015

RECENSIONE: IRON & VELVET

Buongiorno a tutti! Come state? Come procedono le vostre letture? Le mie a quanto pare vanno a gonfie vele, evviva!
Ci sono una marea di libri di cui vorrei parlarvi, ma ho scelto la mia più recente lettura perché ho promesso a me stessa che, prima di leggere il secondo libro di questa serie, avrei dovuto scriverne la recensione. Ora, io ho assolutamente bisogno di leggere il secondo, tipo adesso, ora subito! quindi non ho altra scelta che non propinarvi subito questa recensione, che probabilmente sarà un guazzabuglio di pensieri in ordine sparso, con molta poca dignità. Siete avvisati o voi che continuate!

TITOLO: Iron & Velvet

SERIE: Kate Kane #1

AUTORE: Alexis Hall

SULL'AUTORE: Se volete saperne di più sull'autore vi invito a visitare il suo sito, dove troverete anche cose interessanti su questa serie e la playlist che l'autore ha ascoltato mentre scriveva.

TRAMA (velocemente tradotta da me): La prima regola per questo genere di lavoro: non andare a letto con il cliente.

Il mio nome è Kate Kane e, quando un principe vampiro di 800 anni è venuto da me con un caso avrei dovuto dirle di no. Ma ho sempre avuto un debole per le femme fatale.

Va sempre a finire nello stesso modo. Ti muovi troppo velocemente, scavi troppo a fondo e alla fine qualcuno finisce ammazzato. L'ultima volta è toccato al mio partner. Questa volta potrebbe toccare a me. Ieri un lupo mannaro è stato assassinato fuori dal Velvet, il parco giochi notturno di uno dei più potenti vampiri d'Inghilterra. Adesso metà dei mostri di Londra stanno per saltarsi alla gola, mentre l'altra metà sta cercando di portarmi a letto. La Regina delle Streghe proteggerà i suoi, i mannari sono in cerca di vendetta e i vampiri sono in cerca di, beh, lo sapete, sangue.

Ho un killer a piede libero, una guerra all'orizzonte, e scotch on the rocks. Credo che sarà davvero una giornata interessante.

Ed ora tocca a me!

Come vi ho già preannunciato questa recensione probabilmente non avrà molto senso, quindi portate pazienza e ritenetevi avvisati!

Iniziamo dalle cose semplici: mi è piaciuto, mi è piaciuto davvero tanto! La protagonista è la classica eroina da urban fantasy ben fatta: ha carattere, ha le sue debolezze, ed è ironica e irriverente. Tendenzialmente la vostra solita eroina UF, però, almeno è caratterizzata benissimo ed è veramente spiritosa, in quella maniera cinica e irriverente che è proprio di questo genere. Insomma, l'ho adorata dall'inizio alla fine e i suoi dialoghi mi hanno fatto morire.

Continuiamo con le cose positive: gli altri personaggi. Ultimamente sono stata fortunata con le letture e ho trovato veramente molti personaggi ben fatti. Sembrerebbe una cosa scontata, perché un libro senza personaggi ben fatti vale veramente poco, ma non è una cosa così scontata.
In questo libro l'autore ci regala una galleria di personaggi ricca e irresistibile. Ce ne sono veramente tanti (e avrei veramente voluto saperne di più su tutti, tutti, tutti!!!) ma, nonostante tutto, l'autore riesce a bilanciare bene lo sviluppo della storia e la caratterizzazione dei personaggi,  in modo che nessuna delle due ne esca penalizzata. Certo, la lunghezza del libro è quella che è (troppo corta, damn it!!!!!!) ma mi sarebbe davvero piaciuto saperne di più sui personaggi che popolano le pagine di questo romanzo.

Ammetto che non tutti mi sono stati simpatici, ad esempio, la combriccola delle streghe non mi ha particolarmente colpita, nessuno di loro mi ha incuriosita particolarmente e, sinceramente, mi stanno abbastanza antipatici tutti quanti (ma non sono fatti male, anzi!), ma tutti gli altri li ho adorati dall'inizio alla fine. Ci sono stati un paio di "siparietti" che mi hanno fatto morire (meriterebbe leggere il libro solo per questo).

Ma soffermiamoci un attimo sui personaggi (però sappiate che queste righe sono frutto dei miei ormoni impazziti!): l'autore ci presenta una galleria di personaggi maschili con i contro fiocchi! Ce n'è davvero per tutti i gusti! Venghino dolci pulzelle, venghino!
Vi piace il bello e dannato, quello che farebbe piangere Lucifero ma che è tormentato dai demoni dell'inferno (in questo caso letteralmente!)? Nessun problema, abbiamo l'incubo casto, che ha scelto la via del celibato! 
Vi piace il tipo rude, quello un po' vichingo, che per darsi una patina di civiltà inguaina la sua montagna di muscoli in un completo di sartoria (che desidererete strappargli di dosso appena gli poserete gli occhi addosso!!)? Abbiamo anche lui! Aeglica, il geta (o geto?) che pare un vichingo! Perché usare parole quando puoi usare i muscoli? Ma non temete, non è l'incarnazione vestita di Conan il Barbaro! Ha un cervello e lo usa pure! Con risultati splendidi e dialoghi esilaranti con la nostra eroina!
Oppure preferite il drama-queen della situazione? Figo da paura, drammatico quanto una puntata della più melodrammatica delle soap latino-americane? Basta chiederlo! Non ci manca!
Oppure preferite il tizio che sembra il ragazzo della porta accanto? Ma con un fisico niente male, che vi fa venir voglia di un cambio di residenza immediato (per la porta accanto, ovviamente!)? Abbiamo anche lui!
O il tizio decisamente strano, ma che fa una tenerezza indicibile, perché volete risvegliare i vostri istinti da crocerossina? Fatevi avanti, non rimarrete deluse!

Ecco... direi che, più o meno, abbiamo quasi tutta la galleria di personaggi maschili (non è completa al 100%, ma tranquille, non ho dimenticato nessuno di importante!!!!!) e l'autore ci fa diventare gli occhi a cuoricino, partire per la tangente e ci fa sciogliere in languorosi sospiri e poi... e poi niente! Nada! Nicht! Zero! Perché la nostra eroina è lesbica e quindi non degna di un secondo sguardo tutto questo bendidio, e se non ce lo dedica lei, ovviamente, non possiamo dedicarcelo neanche noi! In questo caro il mio signor Hall sei stato davvero un sadico!!!!!!!

Poi, per carità, le donne presentateci nel libro sono altrettanto affascinanti, splendide, magnifiche e dotate di spirito, ma io e i miei ormoni avremmo preferito che l'attenzione rimanesse sugli esemplari che vi ho elencato sopra.

Comunque... andiamo avanti. Un altro buon motivo per leggere questo romanzo? Suore ninja e suore ninja zombie!!! E sì, sono seria. E no, non ho bisogno di aggiungere altro. Andate a leggerlo ora!!!!

Però, però, però... ci sono dei difetti. A me personalmente hanno dato poco fastidio perché la trama (e soprattutto i dialoghi) mi avevano incantato, quindi non mi sono lasciata abbattere, però ci sono, si notano ed è giusto che ve li faccia presenti.

Principalmente sono due: la maggior parte dei capi delle comunità sovrannaturali (vampiri, streghe, mannari, fate, ecc...) sono donne e la metà di loro è già stata a letto con la nostra eroina, mentre l'altra metà sta cercando, poco sottilmente, di infilarsi nei suoi pantaloni. Diciamo che è un po' esagerato (un po' tanto... non c'è una personalità di spicco della comunità sovrannaturale che sia una che non rientri in quanto detto sopra!). E l'altro difetto è il world-building: la comunità dei vampiri e quella dei licantropi sono molto strutturate e l'autore idea qualcosa di abbastanza complesso, che ci presenta brevemente all'inizio ma che poi non sviluppa durante il racconto. Per carità, per essere un urban fantasy il suo world building è adeguato, ma all'inizio ci presenta qualcosa di complesso che poi, in realtà, non sviluppa, quindi poteva risparmiarsi il disturbo.

La caccia selvaggia non è pizza e fichi!
Ah, me ne ero quasi dimentica. C'è un altro piccolo difettuccio, che riguarda la nostra protagonista e la sua "credibilità": ci viene detto e spesso ricordato che Kate è figlia di un umano e di una fae, cosa che sanno anche quasi tutti gli appartenenti alla comunità sovrannaturale, ma tutti (compreso lei) la trattano come se fosse una cosa di poco conto (come se fosse figlia di una pixie e o di qualche fae minore) ma in realtà non è così, perché come ci ricorda spesso, sua madre è alla testa della Caccia Selvaggia. 
Ora... non si tratta di uno dei fae minori, da scartare senza troppa considerazione e da tirare fuori ogni tanto perché se fosse semplicemente umana la nostra eroina sarebbe morta all'inizio del libro, quindi fa comodo che sia mezzo sangue. Per la miseri! E' la figlia di uno dei pezzi grossi!!! La Caccia Selvaggia! Mica pizza e fichi!!!!! Probabilmente la questione verrà sviluppata ulteriormente nel prossimo (o prossimi) libri, ma il modo in cui è stato trattato in questo primo volume non mi ha soddisfatto per niente e mi è sembrato decisamente poco credibile.

Però, però, però... mi è piaciuto, mi è piaciuto davvero tanto. Ho adorato lo stile dell'autore, i suoi personaggi (ve ne siete accorti, vero? :P), la storia che crea e i dialoghi (ok, ok, ormai l'avevate capito, ma io lo ripeto lo stesso!). L'umorismo tipico di questo genere e che è una delle cose che mi ha fatto innamorare dell'urban fantasy qui è veramente ben rappresentato.

Non aspettatevi un capolavoro, ma ve lo consiglio vivamente!

Voto:

E voi cosa mi dite? Vi ispira? Lo avete letto? 
Buone letture!
S.

mercoledì 15 aprile 2015

WWW...WEDNESDAY #10

La rubrica WWW... Wednesday è ideata dal blog Should be reading.

Buongiorno a tutti! Come state? Come procedono le vostre letture? A quanto pare le mie stanno migliorando (o meglio... è la mia attenzione che sta migliorando, evviva!). E ho un altro motivo per dire evviva: è la mia decima puntata del WWW...WEDNESDAY! Evviva! :)

Bene, ora la smetto di blaterare e passo alla rubrica vera e propria:

1)What are you currently reading?
2)What did you recently finish reading?
3)What do you think you'll read next?

What are you currently reading?



Onyslayer di Barbara Schaer e Nei luoghi oscuri di Gillian Flynn. Diciamo che sto un pochino barando, perché il primo l'ho iniziato giusto poco fa e ne ho letto un capitolo e mezzo e del secondo ho letto giusto la dedica, ma non è colpa mia se ho un tempismo pessimo e ho finito i due libri che stavo leggendo uno ieri sera e l'altro sta mattina!!! Questi due sono entrambi seconde occasioni: ho già letto un libro di entrambe le autrici e non ne sono rimasta particolarmente colpita (la Flynn la preferisco decisamente tra le due, ad essere sincera) e ho deciso di tentare la fortuna e vedere se proprio non c'è storia fra di noi o se è solo stato un piccolo malinteso.

What did you recently finish reading?




 Le immagini sono in ordine sparso perché blogger non collabora, ma seguirò l'ordine in cui li ho finiti. Iron & Velvet di Alexis Hall l'ho finito proprio questa mattina ed è stata una lettura che ho adorato! Spero di parlarvene prestissimo, perché ho veramente un sacco di cose da dirvi, ma per ora mi limiterò a dirvi che sono davvero contenta di averlo inserito nella mia Spring TBR, perché se no chissà quando l'avrei letto!!!! Poi c'è Notre-Dame de Paris di Victor Hugo. Bello, bello, bello! Ed evviva me! (Perché un "evviva me!" ci sta sempre bene quando si leggono dei classici! :P). C'è poi Snow White Red-Handed di Maia Chance. Titolo splendido, idea carina, libro decisamente noioso! E Hemlock Grove di Brian McGreevy (di cui vi rimando alla recensione).

 What do you think you'll read next?


Questa domanda mi manda sempre in crisi, soprattutto ultimamente. E 'sta mattina ho già dato, visto che ho "dovuto" scegliere ben due letture (ehhh... che vita difficile! :P). Credo che leggerò Some Quiet Place, in modo da proseguire con la mia Spring TBR, mentre, per quanto riguarda il cartaceo ho un paio di papabili candidati, e ok... ho un tris d'assi che mi aspetta: Abercrombie, Pratchett e Bishop. Ma credo che lascerò scegliere all'umore del momento.


E voi? Cosa avete letto? Cosa leggerete? E cosa state leggendo adesso? Ditemi, ditemi!
E buone letture!
S.

lunedì 13 aprile 2015

RECENSIONE: HEMLOCK GROVE

Buongiorno e buon lunedì a tutti! Come state? E come procedono le vostre letture? Le mie continuano a procedere a rilento... in questo periodo ho la capacità di attenzione di un colibrì ubriaco, quindi faccio molta fatica a procedere con le letture, anche quando il libro mi piace. Sarà la primavera!
Comunque, finalmente sono tornata con un'altra recensione, quindi la smetto di blaterare e passo a parlarvi del libro!

TITOLO: Hemlock Grove

AUTORE: Brian McGreevy

TRAMA (velocemente tradotta da me): Un'esilarante reinvenzione del romanzo gotico, ispirata dai protagonisti dei nostri miti e dei nostri incubi.
Il corpo di una ragazza è ritrovato dilaniato nei boschi di Hemlock Grove, in Pennsylvania, sotto la lunga ombra dello stabilimento abbandonato delle Acciaierie Godfrey. Inizia una caccia all'uomo, anche se le autorità non sono proprio sicure che il colpevole sia una persona.
Alcuni sospettano un uomo fuggito dalla Torre Bianca, un'industria di biotecnologie della famiglia Godfrey dove, se le voci sono vere, hanno luogo molti esperimenti biologici decisamente poco etici. Altri, invece, sospettano Peter Rumacek, uno zingaro e il nuovo arrivato a scuola che ha detto ad una sua compagna di essere un lupo mannaro. O forse il colpevole è Roman, il figlio del defunto JR Godfrey, che domina la scena sociale scolastica con la sua arroganza tipica degli aristocratici. 


Ed ora tocca a me!
Prima di scoprire l'esistenza di questo libro mi ero già divorata metà della prima stagione della serie televisiva tratta da questo libro. (Qui vi parlavo della serie tv). 
Ho adorato la serie tv e quando ho scoperto che era tratta da un libro non ho potuto resistere: doveva essere mio anche il libro!
Ma poi ci si è messo di mezzo il tempo... morivo dalla voglia di leggerlo, ma poi ho continuato a rimandare, un po' per un motivo, un po' per l'altro, ma anche perché avevo un po' paura: il telefilm mi è piaciuto tantissimo, ma se il libro non si fosse rivelato all'altezza?
E così ho continuato a rimandare e rimandare, fino a quando ho deciso di essere coraggiosa e leggerlo. E meno male! Mi è piaciuto tantissimo, sono stata davvero contenta di essermi potuta ri-immergere nella storia e di ritrovare dei personaggi che mi avevano davvero colpito tantissimo.

Prima di iniziare a parlarvi del libro vero e proprio voglio ancora spendere due parole sulla serie tv: è veramente fedele! E visto che ho fatto passare un'eternità prima di leggere il libro, la seconda serie è già uscita da un pezzo e non mi resta che recuperarla, in attesa che il nostro caro autore si svegli e pubblichi il secondo libro. (In realtà la storia potrebbe considerarsi comunque conclusa, ma un secondo libro mi pare sia in cantiere e non è per niente una cattiva idea!).

Il libro mi è piaciuto davvero molto e l'ho trovato molto ben fatto: l'ambientazione che l'autore crea è veramente degna di un romanzo gotico, anche se è ambientato ai giorni nostri in una fantomatica cittadina della Pennsylvania. Le atmosfere che McGreevy sa creare sono adatte alla storia che ci racconta e fanno da degna cornice ai personaggi, che sono dei piccoli capolavori.
Ogni personaggio è caratterizzato benissimo, è coerente, ben costruito eppure riesce a risultare un completo mistero per il lettore: tutti i personaggi ci vengono presentati, si muovono spesso sulla scena e non vengono mai lasciati in secondo piano, eppure le loro ombre sono molto più vaste dei punti che l'autore mettere in luce per noi. E, credetemi, so di ripetermi, ma i personaggi di McGreevy sono dei veri e propri capolavori! 

Non è un libro perfetto, ad esempio sono state mosse molte critiche al linguaggio che l'autore usa, che, in teoria, dovrebbe riprodurre il modo di parlare dei ragazzi ma che, a volte, sembra un po' forzato, e non posso certo dire che sono critiche senza fondamento, perché hanno ragione, ma sinceramente, i difetti di questo libro scompaiono davanti al lavoro che lo scrittore fa e che, secondo me, è magistrale: riesce a creare una storia piena di suspence, di mistero, che ti tiene incollata alla pagine, creando un'atmosfera cupa, piena di sospetto eppure non pesante, popolata da personaggi particolari, peculiari, misteriosi, pieni di ombre e luci, eppure caratterizzati alla perfezione. Riesce a creare un affresco inquietante e affascinante incastrando tutti i pezzi alla perfezione.
Però va detto che molte cose, alla fine, rimangono oscure: l'autore si diverte ad incuriosirci, ad interessarci, ma non ci dà tutte le risposte. Ammetto che forse qualche pezzo me lo sono persa per colpa della mia crisi da lettrice (avendo la capacità di attenzione di un colibrì ubriaco, non è poi così difficile perdersi dei pezzetti qui e là) ma l'autore non ci fornisce tutte le risposte in modo chiaro e definitivo. Cattivo e sadico!!!!

Concludendo è un libro che merita parecchio e che vi consiglio vivamente, soprattutto se avete voglia di leggere qualcosa di particolare, originale e un po' inquietante (ok, un po' tanto inquietante!) e, se siete amanti del genere, non posso non consigliarvi anche la serie tv. 
Anzi, sinceramente, non saprei se consigliarvi prima la lettura del libro o la visione del telefilm: ammetto che, se non avessi visto la serie, mi sarei goduta molto di più i colpi di scena (l'autore è un maestro nel sorprendere il lettore: fa cadere qui e là con somma indifferenza dei colpi di scena allucinanti, che, ovviamente, mi sono goduta poco perché già sapevo chi è chi e cosa è cosa) ma avrei fatto davvero molta più fatica a capire cosa stava succedendo tra le pagine, perché in certi pezzi sono stata davvero contenta di ricordarmi bene il telefilm. Quindi lascio a voi l'ardua decisione e mi limito a straconsigliarvelo di cuore!

Voto:

Che ne dite? Vi ispira? O lo conoscevate? E cosa state leggendo in questo periodo?
Buone letture!
S.

domenica 5 aprile 2015

MONTHLY WRAP UP #3

Buongiorno a tutti! Come state? Vi avviso che quello di oggi sarà un post chilometrico, quindi mettetevi comodi!

Innanzitutto vi auguro una felice Pasqua! 


Spero che il coniglio pasquale sia passato a trovarvi e vi abbia lasciato tanta tanta tanta cioccolata! E che la vostra Pasqua stia trascorrendo in un clima primaverile! (Qua faceva più caldo a Natale e, purtroppo, non sto esagerando!). Comunque, dopo avervi fatto gli auguri devo farvi anche le mie scuse. Sono di nuovo sparita nel nulla ma sono tornata! (più o meno). La mia presenza sarà ancora "vagabonda" ma cercherò di esserci il più possibile: ho un sacco di libri di cui parlarvi e sono intenzionata a recuperare tutto quello che mi sono persa sui vostri blog!!!!!

Ed ora passo a presentarvi le mie letture (ultimamente ho lasciato i libri un po' da parte perché proprio non riesco a concentrarmi sulla lettura, ma marzo è stato comunque un mese molto ricco, evviva!):



Questo mese sono stata fortunata e diverse letture si sono aggiudicate i 5 little cthulhu! Resenting the Hero di Moira J. Moore, di cui spero di parlarvi presto, e che mi conta per la Tardis, Il viaggio dell'assassino di Robin Hobb, terzo capitolo della prima trilogia dedicata a FitzChevalier, con cui partecipo alla Tardis, alla Series Enders e alla Ultimate (a trilogy). E poi Fiabe Immortali di Paolo Barbieri, che è una piccola meraviglia e che mi conta per la Ultimate (a book based on its cover) e forse per la Tardis. 



E l'ultimo ad aggiudicarsi il massimo dei voti è Murder of Crows di Anne Bishop! Che vale per la Tardis e per la Ultimate (a book from an author you love that you haven't read yet).







Poi ci sono Ten Tiny Breaths di K.A. Tucker, che è prevedibile e non è perfetto, ma mi ha tenuto incollata alle pagine e quindi ho voluto premiarlo. Confessioni di una maschera che mi conta per la Tardis e faceva parte della mia spring TBR. Il mezzo re di Abercrombie, che ho trovato diversissimo come stile da The Heroes ma che mi è piaciuto molto e che mi conta per la Tardis. Il fantasma dell'Opera di Gaston Leroux, che sono contentissima di aver letto e che vale per la Tardis e per la Ultimate (a classic romance) e, infine, L'assassino di corte di Robin Hobb, il secondo libro della trilogia di cui vi ho già parlato prima, e che mi conta per la Tardis. Questa trilogia è super consigliata. Sappiatelo!



 Katana di Cole Gibsen, (che in realtà si è meritato 3.5) e che fa parte della mia spring TBR, The Pirate's Wish di Cassandra Rose Clarke, che mi conta per la Tardis, e Jason di Laurell K. Hamilton.



 E poi ci sono Dressed to Slay di Harper Allen, urban fantasy senza infamia né lode, Top Ten Clues You're Clueless di Liz Czukas, libro carino molto consigliato per il periodo natalizio, Red Carpet di Giorgia Penzo, che conta per la Ultimate (a book with a color in the title) e che aveva buone possibilità, ma si è giocata male la protagonista e Ragazzo da Parete di Stephen Chbosky, che mi conta per la Ultimate (a book that become a movie).


E, ultimo di questa serie, Strange Candy di Laurell K. Hamilton che mi conta per la Ultimate (a book of short stories), che è, appunto, un libro di racconti molto carino.


Night Myst di Yasmine Galenorn, che aveva un sacco di potenziale ma che non l'ha sviluppato minimamente, e American Psycho di Bret Easton Ellis, che mi ha deluso.

Novelle:



Due di Laurell K. Hamilton, Beauty, che mi è piaciuta pochino pochino, e Shutdown, che invece è stata una lettura piacevole, e una di Cassandra Clare e Sarah Rees Brennan, Vampires, Scones and Edmund Herondale. Per ora è quella che mi è piaciuta di meno di queste novelle su Magnus Bane, ma è stata comunque una lettura piacevole.

Le recensioni di questo mese:

- Raw di Belle Aurora

Questo mese sono stata davvero pigra! Cercherò di rimediare assolutamente! Ma nel frattempo vi lascio il link a un altro post. Ok, non è una recensione, ma è una puntata di Bookish World, però ve la segnalo lo stesso. Qua.

TRL di marzo:

L'assassino di corte - Il fantasma dell'opera - Ten Tiny Breaths - Ragazzo da parete - Resenting the Hero

Brava me!

TRL di aprile:

Notre-Dame de Paris - Snow White Red-Handed - Hemlock Grove - The Dark Wife 

Teniamo sotto controllo le serie!

Numero di serie finite: 2 (wow!)
Numero di serie continuate: 2
Numero di serie iniziate: 7 (Ops!!!!).

Ok e per oggi questo è veramente tutto! Se siete arrivati fino a qua, complimenti! E com'è stato il vostro marzo da lettori? Avete fatto scoperte interessanti?
Buone letture!
S.

Post in evidenza

WWW...WEDNESDAY#23

Buongiorno a tutti! Come state? E come procedono le vostre letture? Io non posso lamentarmi delle mie, ma questa puntata del www stava seri...

Post più popolari