venerdì 11 aprile 2014

RECENSIONE: IL PRINCIPE DEI FULMINI

Buongiorno a tutti! Finalmente riesco a postare una delle mille mila recensioni in arretrato (mi faccio i complimenti da sola, stavo iniziando a disperare!). Comunque, oggi vi parlerò di un fantasy decisamente atipico, non adatto ai teneri di cuore (e forse neanche ai deboli di stomaco), che però mi ha letteralmente rapito il cuore!

TITOLO: Il principe dei fulmini

SERIE: The Broken Empire

AUTORE: Mark Lawrence

TRADUTTORE: L. Leonardi

PAGINE: 336

EDITORE Newton Compton

PREZZO: 9,90 euro

SULL'AUTORE: Mark Lawrence è ricercatore scientifico, si occupa principalmente di intelligenza artificiale. Vive in Inghilterra. Per saperne di più, visitate il sito www.princeofthorns.com.

TRAMA: Una storia di sangue e tradimenti, di magia e di amicizia.

A otto anni ha visto uccidere la madre e il fratello. A tredici guidava una banda di fuorilegge assetati di sangue. Ora che ne ha quindici è intenzionato a diventare re…
In un mondo da incubo, in cui la violenza è all’ordine del giorno e l’unica legge possibile è quella del più forte, il principe Honorius Jorg Ancrath ha coltivato la propria ira e meditato vendetta, fuggendo dal palazzo reale e diventando il capo di una spietata banda di fuorilegge. Nella sua vita non c’è più spazio per la paura: quando non si ha niente da perdere, la morte non è altro che la fine del gioco. Dopo anni di incursioni e razzie nei villaggi del regno, per Jorg è finalmente giunto il momento di tornare al castello di suo padre e riprendere possesso di ciò che gli spetta di diritto. Ma ora che è un ragazzo senza passato, ritagliarsi un futuro può rivelarsi più difficile e doloroso del previsto. Per chiudere una volta per tutte i conti con gli orrori della sua infanzia, il principe dei fulmini dovrà sconfiggere una schiera di oscuri nemici i cui poteri superano ogni immaginazione…

Ed ora tocca a me! 
SOTTOTITOLO: Piccoli psicopatici crescono.

Prima di addentrarmi nel mio commento faccio un solo, piccolo, piccolissimo appunto. Il titolo italiano... insomma...era proprio necessario? Non ci sta malissimo, ma il titolo originale, The Prince of Thorns, era decisamente più indicato. Detto questo, procedo!

Questo libro è il primo di una trilogia che non vedo l'ora di continuare, ma se vi aspettate un fantasy classico dove, alla fine, il bene trionfa allora... beh, rimarrete delusi.

Il nostro protagonista, questo precoce genio militare, trascinatore di folle, leader indiscusso e riserva ambulante di coraggio è un sociopatico fatto e finito, che alla tenera età di 14 anni si ritrova a capo di una banda di feroci mercenari (e sì, avete letto bene: FEROCI MERCENARI, non una banda di orfanelli affamati ma ricchi di iniziativa, no no, uomini fatti e finiti, assetati di sangue e senza scrupoli) e ha, come modesto obiettivo, la conquista del mondo.
E no, questo ragazzino non sta progettando una mega-partita a risiko e non sogna un giorno di diventare il re del mondo. Non è una fantasia da bambini e nemmeno un delirio di onnipotenza (anche se su questo si potrebbe discutere) ma un piano ben preciso: il mondo in cui vive Jorg è diviso in tanti regni che si fanno guerra tra loro, in un continuo caleidoscopio di alleanze forgiate e distrutte, trattati scritti e riscritti e continue guerre e scaramucce. Come un esperto di scacchi, il nostro psicopatico preferito ha un progetto a lungo termine che lo porterà all'unificazione di tutti i regni, sotto il suo comando ovviamente.

Sono previste precipitazioni di sangue, interiora, brandelli di carne e resti umani. Se siete deboli di stomaco forse questo libro non fa per voi. E se siete comunque decisi ad iniziarlo allora lasciatevi dire che le prime pagine sono abbastanza disturbanti. Insomma, avrete capito che il nostro protagonista, per quanto carismatico, deciso e capace, non è uno dei buoni.
I buoni in questo libro sono gli oppressi, ma neanche loro sono esenti da colpe e, una volta tanto, ci troviamo davanti un libro che ci presenta un lato dell'animo umano che spesso viene trascurato: l'assenza di innocenza.

Questo rende la lettura interessante, ma non è certo l'unica cosa positiva del libro!

Man mano che la storia prosegue e prendiamo confidenza con il piccolo psicopatico, ci accorgiamo che, alla fin fine, stiamo patteggiando per lui e, mentre ci stupiamo per la sua mancanza di scrupoli e per la grandezza delle sue mire, ci ritroviamo a fare il tifo per lui e speriamo che i suoi piani (che spesso si basano su una buona dose di fortuna e nessuna premeditazione) vadano a buon fine.
Soffriamo con lui, gioiamo con lui e ci ritroviamo sempre più coinvolti nella storia, che si rivela decisamente più complicata di quel che sembrava, fino a quando l'esperto giocatore di scacchi non si rivelerà solo una pedina in un gioco più grande.

Un ritmo incalzante per una storia che si apre davanti a noi, creando ricami inaspettati e complessi. Una trama avvincente e sorprendente, corredata da personaggi ben caratterizzati che non si lasciano dimenticare facilmente.

Voto:

E voi cosa ne pensate? L'avete letto? O vi ispira?
Buone letture!
S.

14 commenti:

  1. Lo avevo già visto da qualche parte, ma non avevo approfondito la trama...quasi quasi, ci faccio un pensierino! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' davvero molto carino e molto originale (anche se un po' crudo in certe parti ). Se lo leggi fammi poi sapere cosa ne pensi :)

      Elimina
  2. Wow *-* guardando la cover italiana non avrei mai detto che fosse un libro così tosto! Anche per il titolo hai ragione...l'originale è migliore. Io sono debole di stomaco, ma non per questo mi privo di belle storie con elementi cruenti...insomma, dopo anni e anni di letture e visioni ci ho fatto l'abitudine! :D Mi sembra che già ce l'ho in WL, ma poi vado a controllare ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) La copertina originale rende un po' meglio l'idea (come spesso succede, ma va beh :) ). E il libro merita parecchio, almeno secondo me. E' davvero originale e la storia è interessante e ben costruita *_* Se ti capita, te lo consiglio :)

      Elimina
  3. Sembra interessante *_* ma la "veste" italiana lascia a desiderare... sarà che l'accostamento giallo-blu non mi fa impazzire XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' molto carino, ma sull'edizione italiana concordo con te! La copertina originale mi piace molto, ma molto di più :)

      Elimina
  4. Ciao Siannalyn ^_^
    Questo libro non l'ho mai letto e sono contenta che si discosta dai soliti fantasy anche perché ci vuole ogni tanto una lettura originale e complessa.
    Lo metto in WL sperando di riuscire a leggerlo presto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! :)
      Concordo! :) E questo, per fortuna, è molto originale :) Se riesci a leggerlo fammi sapere cosa ne pensi, sono curiosa! :)

      Elimina
  5. L'ho comprat in ebook appena uscito. . Direi che è ora di leggerlo! Recensione super! Viva gli psicopatici xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' veramente carinissimo! :) E gli psicopatici hanno quella marcia in più! :P Grazie! *_*

      Elimina
  6. Wow.. è davvero interessante..Il protagonista sembra veramente tosto!
    E il fatto che, come hai detto, non sia il solito fantasy è sicuramente un punto a favore di questo libro!
    La tua recensione mi ha incuriosita tantissimo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il protagonista è un tipetto davvero particolare :P
      Oh, mi fa davvero piacere! *__*

      Elimina
  7. Sono incuriostio anche io. Ma proprio da morire. Grazie ed ottima recensione :)

    RispondiElimina