venerdì 7 marzo 2014

RECENSIONE: ANGELIZE

Buongiorno! Eccomi qua con una nuova recensione... il libro di oggi l'ho letto grazie al GDL organizzato da Giusy del blog Divoratori di Libri:


E' stato il mio primo GDL (*___*) e m è piaciuto veramente molto: è stato carino poter scambiare pareri con le altre lettrici in corso di lettura e ha partecipato anche la stessa autrice, rispondendo alle nostre domande e condividendo con noi il suo dreamcast e alcune canzoni che lei ha associato ai personaggi. Insomma, è stata un'esperienza molto piacevole, ma ora passo a parlarvi del libro:

TITOLO: Angelize

AUTRICE: Aislinn

PAGINE: 352

EDITORE: Fabbri Editore

PREZZO: 16,00 euro

SULL'AUTRICE: Aislinn è autrice e blogger ben conosciuta nel mondo del fantasy. Questo è il suo primo romanzo. Il suo blog è aislinndreams.blogspot.it

TRAMA: Essere un angelo è terribile. Non provi emozioni, non puoi toccare, mangiare, amare. Per questo molti di loro cominciano a desiderare la vita terrena per provare quello che non hanno mai sperimentato nell’eternità. Per liberarsi dalla condizione eterea hanno solo un mezzo: uccidere un essere umano che prenderà il loro posto. Un gruppo di vittime, però, non si è rassegnato a questo poco invidiabile destino e ha trovato il modo di reincarnarsi in corpi nuovi che sono una via di mezzo tra angeli e uomini.
Di nuovo sulla terra, questi angeli bastardi vorrebbero soltanto ricucire i pezzi di vite bruscamente interrotte, finire gli studi, ritrovare amori perduti. Come Haniel, privo di regole e affamato di sesso, che “indossa” ora il corpo di una ragazza. O come Hesediel, che cerca di far capire alla donna che ama che è tornato dalla morte, e che adesso è in grado di guarire da qualsiasi ferita.
Ma gli angeli “puri”, quelli che non hanno mai ceduto alla tentazione della carne, sono in caccia, armati di spada e fuoco celeste, decisi a spazzar via le abominazioni. Per sopravvivere gli “angeli bastardi” dovranno dar battaglia a forze molto più grandi di loro e prepararsi a terribili sacrifici…

Ed ora tocca a me!
Premetto che ho un grandissimo pregiudizio verso gli autori italiani che scrivono fantasy: per carità, ce ne sono di bravi, questo non lo nego e Virginia De Winter è una delle mie scrittrici preferite in assoluto, ma ho avuto modo di leggere moltissimi libri fantasy di autori italiani, grazie a catene di lettura o "grazie" ad acquisti incauti (e, sinceramente, penso di aver fatto raramente acquisti peggiori) e ho dovuto trarre la conclusione che, spesso e volentieri, il fantasy non fa per gli italiani (con splendide eccezioni, per carità, ma comunque....). 
Quindi, con questo pregiudizio ben impresso nella mente, ero abbastanza scettica, ma alla fine ero curiosa di partecipare ad un Gruppo Di Lettura e quindi ho abbandonato le mie riserve e mi sono buttata nella lettura.
E, devo ammettere, ne sono rimasta piacevolmente sorpresa!

Ad essere sincera il libro non mi è piaciuto un granché, ma il problema in questo caso è semplicemente di gusto personale: l'atmosfera generale è, a mio parere, simile a quella di "Pan" di Francesco Dimitri e "Muses"di Francesco Falconi: onirica e deprimente. Non sono forse gli aggettivi più giusti, ma l'atmosfera generale di questi libri è, per me, opprimente e mi lascia un retrogusto amaro che non mi piace per niente. Però questo è, appunto, un fatto di gusto personale. 
Tutto ciò che invece temevo non l'ho trovato: storia trita e ritrita? Assolutamente no! La storia ideata da Aislinn è originale, veramente e completamente originale... nessuna minestra riscaldata, qua!
Editor fatto con i piedi? O, ancora peggio, nessuna conoscenza di italiano da parte di autore ed editor? (Sembra brutto dire una cosa del genere, ma in un sacco di fantasy di autori nostrani, e solo nei fantasy, la punteggiatura diventava qualcosa di opinabile: virgole messe ogni tre parole, punti messi ogni due pagine... insomma, orrori che mi fanno venire gli incubi ancora a distanza di anni!) Assolutamente no! Il libro è scritto in italiano, in un italiano corretto, e quindi si legge bene. In più lo stile dell'autrice è scorrevole  e piacevole.
La trama è, inoltre, ben bilanciata: momenti più tranquilli si alternano a momenti pieni di azione, che aiutano a mantenere viva l'attenzione del lettore. E i personaggi... i personaggi sono il punto più riuscito di tutto il libro: i protagonisti sono ben caratterizzati, non solo abbozzati, e ognuno spicca per le sue peculiarità (altro problema di gusto personale è che non sono riuscita a trovare un mio preferito fino agli ultimi capitoli del libro... avevo delle preferenze, certo, ma niente di ben definito).
Infine avevo paura che, come molti altri, mancasse d'anima: so che suona strano, ma non saprei come altro spiegarlo: molti dei fantasy che hanno aiutato il mio pregiudizio a crescere erano carenti di qualcosa su cui non saprei puntare il dito, se non definendolo come "anima". Magari il libro era scritto discretamente, la storia era anche abbastanza originale, i personaggi erano piacevoli ma, arrivati alla fine, rimaneva quella strana sensazione "Hmm... carino sì, ma manca qualcosa!". Spero di essere riuscita a spiegarmi. In questo libro no. C'è tutto quello che ci deve essere.

Insomma... c'è tutto: storia originale, trama ben strutturata, personaggi che non sono solo nomi sulla carta ma hanno una precisa personalità, stile scorrevole e piacevole. Per essere un esordio letterario è veramente fantastico!

Un'ultima cosa, prima di lasciarvi andare: la città in cui è ambientata la storia è Milano e, spesso, le descrizioni e i momenti in cui i protagonisti parlano o pensano a questa città mi hanno fatto venire in mente una canzone degli Articolo 31:




Voto: e mezzo

E voi, l'avete letto? O vi ispira?
Buone letture!
S.

18 commenti:

  1. Ne avevo sentito parlare ma finora l'avevo messo da parte per lo stesso motivo di cui parlavi tu all'inizio: sono pochi autori italiani che sanno scrivere fantasy.
    Ma leggendo la tua opinione... sono quasi tentata di tornare sui miei passi e dargli una possibilità! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fa piacere sapere di non essere l'unica ad avere qualche riserva sul fantasy italiano ;) Però questo non è male... certo, a me personalmente non è piaciuto tantissimo, però non è male... almeno sembra un libro vero! :P

      Elimina
  2. Aislinn la "conosco" tramite anobii, è una mia vicina da tempi immemori.. Sono curiosissima!
    Però il libro costa un occhio della testa.. :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh che cosa carina! *_*
      Sì, il prezzo è decisamente un buon deterrente... non credo aiuti molto un esordiente mettere dei prezzi simili... :(

      Elimina
  3. Mi ispira veramente tanto, soprattutto ora che ho letto la tua recensione *-*
    La cover, però, non mi piace molto...mi trasmette freddezza :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, grazie! ^_^
      Effettivamente la cover è fredda (e sinceramente, non piace troppo neanche a me, però si adatta molto bene al libro :)

      Elimina
  4. Mi intriga molto, anche se non leggo molto gli autori italiani e sono rimasta abituata ( e un po' annoiata forse ) agli angeli della saga di Fallen :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ultimamente neanch'io leggo molti autori italiani, però questi angeli sono completamente diversi da quelli di "Fallen". Sia come angeli che come storia o genere di libri sono completamente diversi :)

      Elimina
  5. Sia, un off-topic! Ho notato che abbiamo gusti letterari abbastanza simili :3 mi consiglieresti una bella saga da iniziare? Okay, sono disperata, il fatto è che ho appena finito Hunger Games T_T grazie :3

    Teensy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ohh ma che onore!!!! *_____* E ti capisco perfettamente! ;)
      Dunque... se vuoi rimanere sul genere direi la serie di "Divergent" ho letto solo il primo e non è così male.
      Se invece leggi in lingua allora ti consiglio la serie "Fever" della Moning: è di tutt'altro genere ma è meravigliosa!!
      Se invece vuoi cambiare genere e vuoi leggere in italiano:
      1) la serie Black Friars di Virginia de Winter che è *_* *_* *_* e ancora *_*
      2)la serie Obsidian della Armentrout: non è particolarmente originale ma ho letto il primo e mi è piaciuto molto, mi ha fatto ridere ed è simpatico.

      Spero di averci azzeccato e di non averti consigliato solo libri che hai già letto!!! ^_^

      Elimina
    2. Grazie mille Sia *_* ora me li segno tutti e domani quando vado in libreria vedo cosa riesco a combinare :3 sei stata gentilissima :D

      Un bacione

      Elimina
    3. Figurati! ^__^ E' stato un piacere! :) E mi raccomando, se ne leggi qualcuno fammi poi sapere :)

      Elimina
    4. questo libro mi ha sempre incuriosita, però il prezzo forse è un tantino alto O_O ... della cover mi piace il colore ma come stile è un po troppo "metallica", comunque spero proprio di leggerlo perchè a giudicare dalla trama e dalla tua recensione si direbbe essere proprio il mio genere XD spero di trovarlo usato però, perchè non ho mai speso più di 15 euro per un libro, e già 15 è assai:(

      Elimina
    5. Il prezzo è veramente esagerato, soprattutto contando che è il libro di un'autrice esordiente (e non riesco proprio a capire perché gli editori non aiutino gli esordienti proponendo i loro libri a dei prezzi un po' più accessibili... voglio dire, sarebbe un grosso aiuto, no?).
      E sulla copertina ti do ragione, però è veramente molto adatta alla storia, almeno secondo me :)

      Elimina
  6. Io non amo molto il fantasy.... non ho letto molto di questo genere ma quel che ho letto mi ha convinta che... non fa per me...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece lo adoro... :P però ovviamente ognuno ha i suoi gusti, e per fortuna!!! ^_^

      Elimina