giovedì 9 gennaio 2014

DETRAZIONE FISCALE SUI LIBRI?

Due post in un solo giorno? Si preannuncia una catastrofe? Un alluvione? La fine del mondo? Ebbene no, per questa volta potete stare tranquilli.

Quello che state per leggere non è stato scritto di mia mano, ma ve l'ho riporto pari pari da un altro blog: Il mio mondo nero su bianco (il mio link vi rimanderà all'articolo originale, ma se già che ci siete date anche un occhiata al blog non ve ne pentirete!). Comunque, dicevo... ho letto oggi pomeriggio questo articolo e mi pareva una cosa buona e giusta diffondere la notizia (il mio è semplicemente un copia-incolla dell'articolo originale che sfrutta, come base, le informazioni fornite da Libreriamo.it) e quindi buona lettura:

Lo scorso 13 dicembre il governo approvava il decreto Destinazione Italia, un pacchetto di misure mirate a favorire lo sviluppo delle imprese e a ridurre le spese delle famiglie. Tra gli altri provvedimenti, il decreto prevede la possibilità di detrarre fiscalmente il 19% della spesa in libri fino a un tetto massimo di 2 mila euro – di cui mille per libri scolastici e universitari, mille per libri generici. Quanto a questo punto, sono molti gli interrogativi su come si potrà concretamente godere della detrazione: sarà necessario, come per le medicine, uno scontrino che riporti il codice fiscale dell’acquirente? E come funzionerà per gli acquisti on line?

Ne abbiamo discusso con il presidente dell’ALI Alberto Galla.
Se gli acquisti avvengono sul web, bisogna fare due discorsi distinti per i libri cartacei e digitali. “Se si tratta di libri di carta il rivenditore on line manda la fattura anche quando non richiesta, e credo che questo documento sia sufficiente. Era invece escluso dal provvedimento il tema dei libri digitali, rispetto ai quali l’ALI ha una posizione di prudenza”, chiarisce Galla. “Noi riteniamo, con il governo, che il digitale rappresenti una questione a sé. Sempre di libri si tratta, su questo sono assolutamente d’accordo, ma la tipologia di fruizione è diversa da quella dei libri in carta: nel momento in cui compro un libro cartaceo acquisisco un diritto di proprietà su quel bene, mentre è ancora da chiarire se quando compro un ebook ne acquisisco il diritto di proprietà o un diritto d’uso. Sono convinto che il governo abbia preso le sue decisioni non tanto, come si è detto, per sostenere l’industria editoriale tradizionale e i librai, ma proprio in virtù di questo ragionamento.



In attesa del decreto ministeriale che chiarirà le modalità con cui farsi rimborsare il 19% della spesa in libri, il presidente dell’ALI Alberto Galla suggerisce di richiedere l’emissione di regolare fattura
Innanzi tutto, il decreto deve ancora diventare legge e devono ancora essere chiarite ufficialmente le modalità della sua attuazione. “La conversione in legge deve avvenire entro 60 giorni dall’approvazione e verrà portata presumibilmente a compimento entro gennaio, o nei primi di febbraio”, ci spiega Galla. “Oltre a ciò, nel decreto si fa riferimento a un regolamento di chiarificazione e attuazione che deve essere emesso dal Ministero dello Sviluppo Economico, che con il Ministero dell’Economia è il titolare di questo provvedimento. Non siamo dunque in grado, a oggi, di dire quali saranno le metodologie pratiche per poter godere di questa detrazione fiscale. Deve anche essere definito l’anno di detrazione dell’imposta, che presumo sia questo 2014 – il governo parlava infatti di sostenere questa misura per i prossimi due anni, quindi il 2014 e il 2015”.  
Per l’ALI il provvedimento è un passo positivo e importante verso un adeguamento del nostro Paese a una dimensione moderna ed europea. “Sicuramente ci sarà una corsa delle persone a documentare la spesa per i libri, anche perché in una famiglia con due figli si fa presto a raggiungere il tetto di 2 mila euro – basti pensare solo alla spesa che si rende necessaria per due liste scolastiche”, sono le considerazioni di Galla. “Di certo dunque le librerie avranno una maggiore richiesta di documenti fiscalmente rilevanti e questo comporterà un impegno da parte dei librai ad adeguarsi alle nuove normative. Questo provvedimento però, riteniamo come associazione, è necessario e ci aiuta a entrare in una logica veramente europea, per cui tutte le spese devono essere documentate e trasparenti dal punto di vista fiscale”.

Che dire? Speriamo che si decidino e la cosa diventi concreta, così potremo permetterci più gite in libreria! *_* Più librerie per tutti!!!!! (ok, ok, ora mi do un contegno!). Comunque, mi sembrava una notizia degna di essere diffusa, non trovate?


Buone letture!
S.

11 commenti:

  1. sarebbe troppo bello *-* condivido!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero, sarebbe una meraviglia! *_* :)

      Elimina
  2. Spero proprio che accettino il decreto perchè le mie tasche piangono :( e non è giusto spendere così tanti soldi per un numero di libri necessari. In america e in Inghilterra gli stessi libri nostri costano molto meno, è vero che loro non devono fare il lavoro di taduzione però è assurdo pagare un libro per ragazzi(cioè di qualità moderata) 18,00 euro... per me è troppo U.U

    RispondiElimina
  3. ah, comunque grazie per avermi citata e per aver consigliato il mio blog, dolcissima tu! *w*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, non sono le uniche a piangere! :'( In realtà i libri costano meno in un sacco di altri Paesi, e le spese per la traduzione c'entrano fino a un certo punto, perché in molti casi il discorso non regge un granché... Comunque, senza mettermi a fare polemica, costano davvero troppo.

      E figurati, mi pareva il minimo!!!! :) E così mi fai arrossire! :P

      Elimina
  4. Io per non sbagliare conservo già gli scontrini vari :DD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava! Bisogna essere previdenti! ;)

      Elimina
  5. Sia, lo so che hai già fatto il thank you tag e che sei stata taggata tanissime volte, ma ci tenevo comunque a farti sapere che ti ringrazio anche io XD
    http://wwwilmiomondonerosubianco.blogspot.it/2014/01/thank-you-tag.html#more

    baciotti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ero giusto passata ad avvisarti della stessa cosa! ;) Grazie mille!!!! *_* *_* *_*

      Elimina
  6. è da 1 bel po' che ne parlano... speriamo davvero che concretizzino il tutto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero!!! Sarebbe veramente un'ottima cosa! :)

      Elimina

Post in evidenza

WWW...WEDNESDAY#23

Buongiorno a tutti! Come state? E come procedono le vostre letture? Io non posso lamentarmi delle mie, ma questa puntata del www stava seri...

Post più popolari