mercoledì 22 gennaio 2014

MINIRECENSIONI #2

Il titolo è sempre questo perché non sono ancora riuscita a trovare nulla che mi vada bene, perciò sopportate!

Oggi tocca ai libri che ho letto (almeno per ora) per le reading challenges From Reader to Reader organizzata dal blog Reading is Believing e Theme Reading Clannge organizzata da Giusy del blog Divoratori di Libri.


Partecipando a questa sfida ho avuto la possibilità di leggere un paio di libri che stazionavano da tempo nella mia lista di "future letture" (che fa anche rima, e che è una lista che esiste soltanto nella mia testa, almeno per ora) e ho scoperto anche autori nuovi, insomma, per ora è stata una piacevolissima esperienza. 

1) Divergent di Veronica Roth. Il libro l'avevo già adocchiato ma non mi ero mai decisa a prenderlo: insomma, mi pareva anche carino ma non mi ispirava. Invece sono stata contenta di averlo letto. La storia è interessante, originale e ben strutturata. Mi è piaciuto molto  il mondo inventato dall'autrice, la sua struttura in "caste" (non è forse il termine più adatto, ma rende abbastanza bene l'idea) ed era pieno di possibili spunti di riflessione, che non è certo cosa da poco. Il ritmo della narrazione, poi, è avvincente e mi ha tenuta incollata alle pagine, anche se il finale mi ha deluso parecchio... In parte proprio per come finisce (e non posso fare commenti se no sarebbe spoiler, ma insomma!!!!) ma soprattutto perché l'autrice fa precipitare gli eventi, nelle ultime pagine accadono tante di quelle cose da poter riempire quasi un altro volume. La spiegazione è sommaria e tutto accade troppo in fretta, troppo compresso. Peccato, perché il libro prometteva bene. Gli ho assegnato tre little chtulhu.

2) Il circo della notte di Erin Morgenstern. E' uno dei libri che facevano parte della mia lista "future letture" da un sacco di tempo. Su questo libro avevo delle aspettative altissime e, puntualmente, sono state deluse. La colpa è principalmente mia che mi aspettavo una narrazione delicata come quella de La meccanica del cuore. Mi aspettavo uno stile diverso, più delicato e più intrigante. L'idea di per sè è molto bella e il circo della notte è splendido: l'idea è geniale e le sue descrizioni sono incantevoli (nel senso che incantano proprio) ma non è stato abbastanza. Non lo so spiegare bene, ma questo libro aveva un potenziale immenso e invece... invece niente, non è così speciale come mi aspettavo. La storia di per sé è particolare e originale (anche se, spesso, mi ha fatto venire in mente il film Parnassus, ma più per associazioni mentali mie che non per effettive somiglianze) ma l'ho trovata anche crudele, e questo è un altro dei fattori a suo discapito. E' abbastanza difficile dargli un voto, ma penso che si meriti tre little chtulhu (stiracchiati!). (P.S. La copertina però è un'opera d'arte).


3) Fight Club di Chuck Palahniuk. Era da una vita che volevo leggerlo ma continuavo a rimandare, per un motivo o per l'altro e, finalmente, ci sono riuscita! Di questo mi sarebbe piaciuto scrivere una recensione, ma siccome ci ha già pensato il mio fido assistente Igor (qua il link, se ve la siete persa :) ). Comunque, ammetto di aver visto prima il film e, soltanto dopo, aver letto il libro (lo so, non si fa, ma pazienza), comunque penso che Fight Club sia uno di quei libri che sono nati per essere dei film. Lo stile stesso dell'autore è "cinematografico": presenta frasi breve, concise, le scene si susseguono velocemente, non ci sono abbellimenti, descrizioni "inutili", tutto è in funzione delle scene che ci presenta. L'ho adorato! Voto: quattro little chtulhu e mezzo!


4) Per una volta nella vita di Rainbow Rowell. Ammetto di averlo letto per pura curiosità: non è il mio genere e la trama di per sé non mi diceva niente, ma dopo aver letto alcune recensioni molto positive (e molto ben scritte, certe recensioni sono più interessanti dei libri stessi) mi sono decisa a dargli un'opportunità (anche perché l'autrice mi incuriosisce parecchio... in realtà stavo puntando a Fan Girl, ma di lui vi parlerò in un altro post, e questo mi è capitato fra le mani). Però mi ha stupito... stupito e conquistato! Forse più avanti scriverò una recensione vera, non lo so, ma intanto posso dirvi che questa donna è un genio. La storia di per sè sarebbe una delle tante, niente di troppo originale, niente di così strano, ma il modo in cui le scrive è... fenomenale: delicato, ironico, pungente e tenero. Ha reso indimenticabili i suoi personaggi (anche se per tutto il libro mi sono ostinata a chiamare Park "Parker" e non ho idea del perché), caratterizzandoli perfettamente. Erano davvero vivi, presenti, e ognuno talmente singolare da diventare indimenticabile, nel bene e nel male. E non sono solo i personaggi, ma anche il suo modo di raccontare gli eventi, il suo stile, personale e quasi "magico". Insomma, sono stata davvero felice di averlo letto! Voto: quattro chtulhu e mezzo.
Piccola postilla: non è che non mi piaccia la copertina italiana, è carinissima, ma quella originale secondo me era molto ma molto più adatta allo stile della Rowell e mi sfugge la traduzione del titolo, tanto per fare la pignola.


5) Tenebre e Ghiaccio di Leigh Bardugo. Anche di questo mi piacerebbe scrivere una recensione come si deve, ma per ora mi accontenterò di questa. E' stato un gradito regalo di Natale (*_*). Gradito soprattutto perché, nonostante le molte recensioni positive, mi lasciava un po' perplessa: una scrittrice nata a Gerusalemme, naturalizzata americana che racconta la Russia mi lasciava un po' perplessa (lo so, sono solo pregiudizi miei, ma tant'è...). E qualcosina che mi ha fatto storcere il naso c'è, se proprio voglio essere pignola (più che altro per le parole in "russo") e la storia in generale non mi convinceva, ero un po' curiosa ma spendere dei soldi mi scocciava. Perciò evviva i regali di Natale! Però è stata una piacevole sorpresa, anzi di più! Ho veramente fatto fatica a staccare gli occhi dalle pagine, tant'è che non volevo chiuderlo per andare a dormire... è stato difficilissimo chiudere quel libro! La storia è originale e avvincente ed è facile affezionarsi ai personaggi. L'unica cosa che mi resta da stabile è quanto riuscirò ad aspettare prima di mettere le mani sul secondo volume (lo so, lo so, potrei aspettare e sperare che lo traducano, cosa che sembra probabile visto che già si parla di una possibile trasposizione cinematografica di questo primo volume, ma non credo che riuscirò ad aspettare tanto!).
Voto: quattro little chtulhu e mezzo!


6) La bambina che salvava i libri di Markus Zusak. Di questo libro scriverò (spero presto) una recensione come si deve, perché se la merita. Parla di un tema delicato usando una prospettiva ancor più delicata: seconda Guerra Mondiale (con tutti i suoi strascichi e le sue brutture) nella Germania dell'epoca eppure riesce a farlo con tenerezza e profondità, facendosi aiutare dalla voce di un narratore di eccezione: la Morte. E' un libro che si dovrebbe leggere perché bisogna ricordare e perché fa riflettere, tanto. E' anche un libro che, in un modo tutto suo, fa bene al cuore. Spero di riuscire a dargli più spazio. Per ora mi limito ad assegnargli 5 little chtulhu.



Il bilancio di questa sfida è decisamente positivo perché ho potuto leggere dei libri che mi sono piaciuti così tanto *__* e questo è davvero tutto quello che si può chiedere ad una reading challenge! 

Ed ora passiamo ai libri letti per l'altra sfida!
Il tema di questo mese è vampiri. Subito ho pensato "Evviva!". In fondo i vampiri non mi dispiacciono (anzi, diciamo pure che, per quanto ormai siano diventati abbastanza triti, mi piacciono comunque) e di libri su di loro ne ho già letti a bizzeffe. Così sono rimasta un po' nel dubbio e sono andata a rispolverare qualche libro qua e là (sicuramente a febbraio, che non mi serviranno più mi troverò sommersa da libri di vampiri che chiedono a gran voce di essere letti, ma per ora mi sono dovuta arrangiare) e questi sono stati i risultati:

1) La seduzione del vampiro di Raven Hart. Primo libro della serie "I vampiri di Savannah". Autore nuovo, serie nuova, mi sono detta "perché no?" e poi l'inizio prometteva bene: i protagonisti principali sono due vampiri, sì, proprio vampiri maschi e la cosa sembrava promettere bene... niente eroine e niente pappardelle amorose (possono anche non dispiacermi, ma "è meglio cambiare, nè?" tanto per citare una famosa pubblicità). Però però però... che noia!!!! Finirlo è stato uno strazio. La storia non decollava (per quanto succedano un sacco di cose, non è una narrazione statica), i personaggi avevano un sacco di possibilità ma alla fine mi hanno lasciata indifferente, tutti, dal primo all'ultimo (e pensare che, invece, l'idea di per sé era anche buona!). Insomma l'ho finito per puro sforzo di volontà e non credo proprio che continuerò la serie. Gli do due little chtulhu, ma sono mooooolto stiracchiati.


2) Bleeding Love di Alyxandra Harvey. Anche questo è il primo di una serie, Drake Chronicles. Non è un capolavoro, anzi ce ne sarebbe di strada da fare, ma almeno non è completamente da buttare. Libro parecchio leggerino, da leggersi in una serata tranquilla e senza particolari aspirazioni. Personaggi simpatici, intrecci romantici prevedibili ma nella norma, azione il giusto. Poteva essere sviluppato un po' meglio, le possibilità ci sono tutte e c'è anche un pizzico (ma proprio un pizzico eh!) di originalità, magari le cose miglioreranno con gli altri volumi della serie. A questo ho deciso di dargli un'opportunità... non è memorabile ma almeno  non mi ha annoiata a morte! Voto: tre little chtulhu.

3) Blue Moon di Laurell K. Hamilton. Di questo non ho molto da dire: è l'ennesima rilettura e a forza di leggerlo non sono più in grado di dargli una valutazione. Cosa mi piace di questo romanzo è che viene dato un po' di spazio a due personaggi che mi piacciono abbastanza: Jamil e Damian (sarà che ho proprio un debole per Damian, ma non ci posso far nulla). Inoltre non saprei neanche descriverlo in maniera decente perché sembrerei bipolare: in alcuni punti sarei felice e contenta (perché certe scene del libro mi piacciono proprio) ma in altri sarei spietatamente sarcastica e criticona perché... beh, in certi casi non se ne può proprio fare a meno!


Bene, questo è tutto, gente! Voi avete letto questi libri? O ce n'è qualcuno che vi ispira?

Buone letture!
S.

21 commenti:

  1. Ciao Siannalyn :3 Dunque, ho letto Divergent l'estate scorsa e mi è piaciuto parecchio *-*
    Tenebre e ghiaccio vorrei tanto leggerlo, mentre Per una volta nella vita l'ho terminato la settimana scorsa e non mi ha entusiasmato..mi è piaciuto, per carità, ma non mi ha conquistato del tutto (non so nemmeno io il perché ç_ç).
    A fine mese ci sarà un post per lasciare i link delle recensioni :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non vedo l'ora di leggere "Insurgent" però sto continuando a rimandare... :)
      "Tenebre e Ghiaccio" te lo consiglio... non è un capolavoro, ma mi è piaciuto tanto! :) E "per una volta nella vita" mi ha conquistato più che altro perché avevo delle aspettative bassissime (ero convinta che non mi sarebbe piaciuto, anche se mi incuriosiva) quindi penso che in parte sia "colpa" mia, più che del libro... :)
      Sì, l'avevo letto, ma già che c'era ho iniziato a portarmi avanti con il lavoro... :P

      Elimina
  2. Ciao Siannalyn :3 Dunque, ho letto Divergent l'estate scorsa e mi è piaciuto parecchio *-*
    Tenebre e ghiaccio vorrei tanto leggerlo, mentre Per una volta nella vita l'ho terminato la settimana scorsa e non mi ha entusiasmato..mi è piaciuto, per carità, ma non mi ha conquistato del tutto (non so nemmeno io il perché ç_ç).
    A fine mese ci sarà un post per lasciare i link delle recensioni :3

    RispondiElimina
  3. Io ho amato tantissimo Tenebre e ghiaccio, tanto che quando l'ho terminato mi sono chiesta come mai non lo avessi letto prima. E' davvero un bel libro, e pianifico di leggere presto il seguito :3
    Anche Divergent mi è piaciuto tanto, e ho scritto una recensione davvero entusiasta subito dopo averlo letto, ma solo a posteriori mi sono resa conto che effettivamente a questo libro manca qualcosa. Mi sa che mi sono lasciata trasciare un po' troppo dal mio lato fangirl davanti a Quattro ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di Tenebre e ghiaccio mi ricordo la tua recensione, mi era piaciuta tantissimo!!! *__* E dopo averlo letto anch'io mi sono chiesta perché non l'avessi letto prima! :)
      Invece la recensione di Divergent me l'ero persa, ma me la andrò a cercare :) comunque non ti si può dar torto per quanto riguarda Quattro! *_*

      Elimina
  4. Tenebre e ghiaccio vorrei leggerlo, ma la copertina proprio non mi piace :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha una copertina molto particolare... però come libro è davvero molto carino :)

      Elimina
  5. le minirecensioni mi piacciono, perchè ti invogliano a leggere l'intero post ;)

    anche io la penso come te su divergent: l'ho adorato ^_^ però il secondo mi ha delusa... cmq conto di leggere il 3° xk voglio sapere come va a finire.

    Il circo della notte ah ennesimo ennesimissimo libro che devo ancora prendere in mano e decidermi non solo a sfogliarlo.... ma a LEGGERLO XD stessa storia x tenebre e ghiaccio (a me invece la copertina non mi dispiace, anche se preferisco quella originale).

    Non ti facevo fan di Laurell K. Hamilton... anche se in realtà non ho letto neanche un suo libro, quindi non ho idea di preciso di cosa si tratti.... so solo che è un urban fantasy x adulti e che weirde.spindler (una blogger) lo adora ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora dovrei scriverle più spesso! :P

      Dal "Circo della notte" mi aspettavo molto di più, me lo immaginavo un po' più simile a "La meccanica del cuore" come stile (quindi probabilmente la colpa è mia che mi aspettavo che fosse diverso) mentre Tenebre e Ghiaccio te lo consiglio... mi è davvero piaciuto :) E per la copertina concordo... quella originale mi piace di più, ma trovo che quella italiana abbia uno strano fascino.

      Sulla Hamilton ho sentimenti contrastanti... i libri mi piacciono ( di solito li uso come via di fuga... quando ho voglia di staccare completamente e perdermi in un libro o quando mi sento giù mi do alla rilettura dei suoi libri... in pratica li so a memoria, più o meno quando le persone normali hanno voglia di guardarsi una commedia romantica o un film strappalacrime io leggo i suoi libri), però, per quanto ci possa essere affezionata sono perfettamente d'accordo con tutte le critiche che ho trovato in giro, però forse mi piace anche perché, mentre la leggo, riesco a spegnere la parte più "criticona" e sarcastica di me... :P

      Non conosco la blogger che hai citato ma vado subito ad informarmi! :)

      Elimina
  6. "Tenebre e ghiaccio" è nella mia lista già da parecchio! ^^ e non vedo l'ora di leggerlo!
    "Il circo della notte" mi intriga molto, anche se sinceramente non sapevo che fosse già uscito i Italia. E di Rainbow Rowell io sono molto curiosa di leggere Fangirl e Eleanor e Park! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà "Il circo della notte" è già uscito da parecchio (l'edizione italiana) però non è che si trovasse molto in giro... :) Mentre "Eleanor e Park" è "Per una volta nella vita" (non so perché in traduzione gli abbiano cambiato il titolo, ma va beh...) mentre "Fangirl" lo vorrei leggere anch'io (in realtà è già sulla mia scrivania ad aspettarmi *_* devo solo trovare il momento giusto.. .:) ).

      Elimina
  7. mi dispiace che Divergent ti abbia delusa alla fine :( è vero accade tutto d'un botto, ma è bello anche perchè il secondo libro riprende proprio da dove eravamo rimasti... praticamente se li leggi uno dietro l'altro probabilmente ti sembrerà di leggere un unico libro :)...
    sono rimasta incuriosita tanto da Fight club *.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh bene, allora devo proprio iniziare a leggere il secondo, c'è poco da fare! :) Fight Club invece è abbastanza duro, come libro, ma ne vale la pena, almeno secondo me :)

      Elimina
  8. La bambina che salvava i libri è un capolavoro, sono contenta che con l'uscita del film stia avendo un po' più di visibilità *-*
    Non vedo l'ora di leggere la recensione :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in pieno! :)
      Ohh allora cercherò di scriverla in tempi brevi! :P

      Elimina
  9. Ohhh che belle recensioni!! Complimenti!!
    Allora ho letto Divergent e mi era piaciuto un sacco!! Mi dispiace che tu 'abbia trovato le spiegazioni sommarie e le vicende troppo veloci. Magari Insurgent ti conquisterà!
    Tenebre e Ghiaccio vorrei leggerlo, spero di riuscirci presto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!! :) Con Divergent i problemi principali li ho avuti nel finale, ma cercherò di leggere al più presto "Insurgent" :) E per "Tenebre e Ghiaccio" ti auguro di riuscire a leggerlo presto, è veramente molto carino :)

      Elimina
  10. Devo urgentemente comprare sia Fight Club che Per Una Volta Nella vita *_* ho iniziato a vedere il film di Fight Club ma per un colpo del destino se ne é andata la corrente dopo una decina di minuti: é segno che devo leggere prima il libro u.u

    Un bacio :D
    Teensy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meritano molto tutti e due!!! *_*
      Di Fight Club ho visto prima il film... è stato quello a convincermi a leggere il libro (l'autore non mi ispirava simpatia, anche se non so il perché ma il film mi ha fatto cambiare idea... :) ).

      Buona serata! ^_^

      Elimina
  11. Quanti bei libri *-* Divergent voglio leggerlo questo mese...sperio di riuscirci! Mentre è la prima volta che leggo un'opinione non del tutto positiva su Il circo della notte :D io devo ancora leggerlo...vedremo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono un sacco di bei libri *_* Ti auguro di riuscire a leggere Divergent perché è molto carino, mentre Il Circo della Notte non mi è piaciuto troppo probabilmente perché avevo delle aspettative talmente alte da essere alle stelle, e mi è dispiaciuto :( comunque spero che a te piaccia!!! :)

      Elimina