lunedì 24 febbraio 2014

RECENSIONE: LA CACCIATRICE DI FATE

Buongiorno e buon lunedì a tutti!!!! Non perdo tempo con le chiacchiere, tanto avete già capito di cosa vi parlerò oggi!


TITOLO: La cacciatrice di fate

SERIE: The Falconer #1

TRADUTTRICE: Anna Carbone

AUTRICE: Elizabeth May

PAGINE: 325

EDITORE: Sperling & Kupfer

PREZZO: 16,90 euro

SULL'AUTRICE: è nata in California, dove ha vissuto durante gli anni formativi prima di trasferirsi in Scozia. Sta attualmente lavorando al suo Dottorato di Ricerca presso l’Università di St. Andrews. Quando non scrive o frequenta lezioni, la potete trovare con una fotocamera in mano; le sue foto sono state pubblicate su copertine di libri e riviste. Attualmente risiede a Edimburgo, Scozia, con il marito. La Cacciatrice di Fate è il suo romanzo di debutto. 

TRAMA: Lady Aileana non ha paura della notte: è nelle pieghe del buio che può compiere la sua missione. Non ha paura degli stretti vicoli di Edimburgo e dei pericoli che vi si annidano: è lì che può trovare le sue prede. Perché Aileana, giovane figlia del marchese di Douglas, nasconde un segreto: se di giorno è una perfetta gentildonna del diciannovesimo secolo, alle prese con gioielli, vestiti e feste scintillanti, di notte è una spietata cacciatrice di fate. Tutto è iniziato un anno prima, la sera del suo debutto in società: la stessa, tragica sera della morte di sua madre, uccisa da un essere soprannaturale. Da allora, Aileana sente dentro di sé una voce selvaggia che la sprona alla vendetta. Da allora, ha intrapreso un duro addestramento per imparare a combattere le fate: creature assetate di sangue che si nutrono dell'energia vitale degli umani. È stato Kiaran, il suo affascinante maestro, a fare di Aileana una guerriera, allenandola alla battaglia. E sarà lui a farle scoprire lo straordinario destino che l'attende. Perché Lady Aileana è l'ultima cacciatrice di un'antica stirpe, l'unica in grado di proteggere l'umanità la notte in cui tutte le fate si risveglieranno. La notte, ormai imminente, del solstizio d'inverno.

Ed ora tocca a me!
Intanto una piccola precisazione sulla copertina: la modella si chiama Maria Amanda, è in carne ed ossa, non è una bambina e ha una pagina su FB, se siete interessate. Non è farina del mio sacco ma è il risultato delle ricerche di Geeky Bookers (grazie! :) ).

La storia è originale (sempre nei limiti del possibile) e carina, scorre bene ed è coinvolgente. L'ambientazione mi è piaciuta molto: la storia si svolge ad Edimburgo nel 1844 ma l'atmosfera è quella tipicamente steam punk, con macchine a vapore, marchingegni strani e tutto il repertorio. 
La cosa veramente originale è che questa ambientazione steam punk rimane sullo sfondo, al contrario di molti altri libri che ho letto in cui l'ambientazione pesa molto di più nella storia, è più presente e quasi centrale. Non è una critica, perché in realtà è un genere che mi piace molto, però è originale e particolare il modo in cui viene reso il tutto, in maniera delicata, che rimane sullo sfondo e non la fa da padrona.
Non so se sono riuscita ad esprimere chiaramente il mio pensiero, ma è una cosa che mi è piaciuta molto.

Anche i protagonisti sono ben caratterizzati (tutti tranne uno, ma ci arriverò!): la nostra eroina è una di quelle decise, portate all'azione e una vera kick-ass di fine '800. (Tra l'altro la storia, per la sua struttura, e l'eroina, costretta a destreggiarsi tra la vita pubblica, fatta di balli, chaperon, convenevoli e regole della buona società, e la vita privata, fatta di lotte, combattimenti all'ultimo sangue, caccia e allenamento, mi hanno ricordato la serie dei Gardella di Colleen Gleason).
C'è anche Derrick, il pixie che vive nell'armadio della protagonista e che si occupa di risistemarle il guardaroba, oltre che di altri compiti che solo una fata potrebbe svolgere. E' simpatico e svolge bene il suo ruolo nella storia.
E infine tocca a Kiaran... il bello e dannato, che svolge egregiamente il suo ruolo e che, anche se non sarà il più originale dei personaggi, è comunque ben caratterizzato e riesce a farsi voler bene (o a farci venire gli occhi a cuoricino, vedete voi cosa preferite! :P).

Però c'è anche Gavin, che ha un ruolo importante nella storia ma che, non si sa come, finisce a fare da tappezzeria. Forse l'autrice voleva provare il triangolo amoroso, forse voleva provare una via di mezzo o forse semplicemente:


Il triangolo no, non l'avevo considerato, d'accordo ci proveró, la geometria non é un reato

Fatto sta che 'sto fanciullo finisce a fare da tappezzeria più del maggiordomo. Peccato perché aveva un sacco di potenzialità. 

Però questa non è l'unica pecca del libro: ammetto di averlo divorato, anche se non è poi tutta questa meraviglia (ma va anche detto che avevo delle aspettative altissime e questo non è mai un bene!), però è scorrevole, piacevole, abbastanza originale e poi a me le fate piacciono, almeno in linea generale. Però, però, però... non finisce!!!! 

Forse l'autrice era assente il giorno in cui, alle elementari, hanno spiegato che i temi devono avere un'introduzione, uno svolgimento e una conclusione, perché, meraviglia delle meraviglie, se inizi qualcosa è anche bene finirlo... soprattutto se questo qualcosa lo spacci per un libro e lo vendi pure. 
Prima di arrivare a leggere le ultime pagine mi ero informata su un possibile seguito (che a quanto pare è in lavorazione) perché si capisce, nel corso della narrazione, che non sarà un libro autoconclusivo, ma quando sono arrivata alla fine e ho letto le ultime pagine la mia voglia di leggere il seguito si è dissolta... so che un libro che non finisce dovrebbe avere l'effetto opposto, ma a me fanno questo effetto: fanno talmente tanta rabbia che mi passa la voglia di leggere il seguito (e soprattutto, di spenderci soldi!!!!!).

Avrei voluto dare a questo libro quattro little chtulhu, per l'impegno. Perché anche se non è un capolavoro è stata una lettura piacevole, che mi ha rilassato e che mi sono goduta, tutta contenta e felice (in fondo era il mio premio per essere uscita vincitrice dalla lettura di due libri che mi stavano asfissiando...) ma il finale mi ha fatto ricredere... così, sulle prime volevo dargli mezzo chtulhu, manco uno intero, perché se ne manca un pezzo non è un libro fatto e finito. Ma poi, dopo qualche giorno, a mente un pochino più fredda ho deciso che in fondo non potevo neanche demolirlo così, perché come libro vale la pena di leggerlo (se si cerca una lettura leggera e veloce, che riesca a distrarci per un po') così ho optato per un compromesso:





Però il secondo volume mi rifiuto di comprarlo (sempre che venga pubblicato): se mi capiterà fra le mani (prestito, biblioteca, ecc...) magari lo leggerò ma di sicuro non spenderò più soldi per questa autrice.

Ah, un'ultima nota positiva! In fondo al libro c'è un breve "Bestiario delle Fate" che ho trovato un'idea molto carina (certo, l'autrice poteva sfruttare quello spazio in più per scrivere una conclusione degna di tale nome, ma va beh...).

E voi? L'avete già letto? Vi ispira?
Buone letture!
S.

28 commenti:

  1. Mamma mia che impressione quella modella, poverina!!! io pensavo fosse una barbie :S
    io lo trovo un punto a favore dell'autrice l'abbandono del solito triangolo amoroso però c'è anche da vedere in che modo l'abbia eclissato.
    L'ambientazione steam punk in un libro di fatine è una scelta curiosa, il finale aperto non mi spaventa molto nelle serie, più che altro mi terrorizza negli autoconclusivi (se non fatto bene).
    Se lo troverò scontato o in ebook forse gli darò una possibilità, dato i tuoi 3 chtulhu u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sei l'unica a cui ha fatto impressione la modella! :P
      Non è che l'autrice non abbia usato il solito triangolo, è che non si capisce bene se ci prova ma non ci riesce, se aveva intenzione di usarlo e poi ha cambiato idea in corso d'opera o cos'altro. Gavin avrebbe dovuto essere uno dei protagonisti (o quasi) perché ha un ruolo importante ma finisce a fare da tappezzeria e la cosa stona parecchio (e, oltretutto, non si capisce il perché), ecco tutto :)
      Se lo leggi fammi sapere cosa ne pensi, mi raccomando!!! ^__^

      Elimina
  2. Adesso mi hai incuriosita su questo finale che non c'è! xD
    Lo leggerò anche solo per sapere come si conclude questa storia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se lo leggi fammi sapere cosa ne pensi (o scrivine una recensione, che le tue sono bellissime! *_*) che sono curiosa!!!! :)

      Elimina
  3. non avevo mai sentito parlare di questo libro, la cover è bellissima e da quello che hai scritto credo che mi piacerebbe almeno per le ambientazioni...per quanto riguarda il finale deve trattarsi di quell'interruzione drastica come la trovai io ne La chimera di Praga, con la differenza che lì c'era scritto "continua" come se fosse semplicemente un unico libro diviso in due, il che fa ancora più rabbia-.-'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi ero innamorata della cover, se devo essere sincera... :P Le ambientazioni sono molto belle, meritano molto... però è il finale che non va proprio... e anche io mi ero irritata abbastanza per quello de La chimera di Praga... non si fa così!!!!

      Elimina
    2. Già...la trovo una scusa bella e buona per "costringere" i lettori a comprare il seguito... il mio errore è stato quello di prendere i due volumi insieme, ma "la città di sabbia" l'ho iniziato ma l'ho interrotto...mi sembrava troppo diverso dal volume precedente e non mi incuriosiva più la storia...magari un giorno lo riprenderò, ma comunque non si fa così, per niente!

      Elimina
    3. Concordo...anche se su di me hanno l'effetto opposto: ho abbandonato serie che facevano così, oppure magari le ho continuate se trovavo i libri in biblioteca, ma mi sono sempre rifiutata di comprare i seguiti. Sembra una presa in giro!!!!
      Della "Città di sabbia" ho letto un sacco di pareri e la maggior parte ti danno ragione e la cosa non mi invoglia granché a leggerlo, anche se alcune recensioni mi hanno incuriosito... penso che prima o poi lo leggerò, magari, ma non penso di comprarlo.

      Elimina
  4. I libri che non finiscono anche a me danno abbastanza sui nervi!.. io cerco sempre di leggere saghe che siano già concluse in modo da non dover aspettare troppo per i seguiti.. perché poi magari mi passa la voglia, oppure più tempo passa più mi dimentico tutto!
    Certo la trama non è niente male.. però mi sa che aspetterò di capire se pubblicheranno i seguiti prima di acquistarlo!
    Bella recensione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La lentezza di pubblicazione quando si tratta di saghe è una cosa estenuante (soprattutto per quanto riguarda la traduzione italiana... tant'è vero che se inizio una saga che mi piace poi passo a leggerla in lingua, spesso e volentieri, perché non ho voglia di diventar vecchia aspettando il seguito!!!!).
      A quanto ho capito la scrittrice sta scrivendo il secondo ma non ho trovato niente su una possibile data di pubblicazione, quindi mi sa che ci sarà da aspettare un po'... :(
      Grazie!!! *__*

      Elimina
  5. Oddio, credevo fosse disegnata al computer!! °__°
    Comunque ora, più che altro, sono curiosa di leggere il finale! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E invece no! E' proprio una modella in carne ed ossa! :P Anche se il dubbio è venuto a parecchie ;)
      Il finale è una delusione... gli ultimi capitoli sembrano preparare ad un finale sul tragico-epico, toccante e con tutti i requisiti per farti aspettare il secondo volume con ansia e poi... poi non finisce!!! Che rabbia!!!

      Elimina
  6. Ahahahahahahah innanzitutto grazie per avermi citata (giuro, non me lo aspettavo! xD) e secondo: grandissima la tua recensione, ha trasmesso quello che volevi dire, tranquilla.
    Ho letto i Gardella (e mi mangio ancora le mani per non aver comprato il volumone tutto in 1 a meno di 10 euro quando era uscito perché poi è sparito...grrrr!!!), ma a parte questo...la storia effettivamente sembra accattivante, di fate ho letto solo un libro (che è stata un'enorme ciofeca) ...Wicked lovely, può essere? Però questo qui volendo non sembra essere così male...però il fatto che sia una serie e soprattutto che il primo sia finito nel mezzo del cammin di nostra vita....mi fa desistere non poco. Probabilmente aspetterò che escano altri volumi (se non tutti, infatti ho questo problema di ricordare le trame delle serie in corso, tanto che aspetto che finiscano per leggere tutti i libri insieme) e al limite, se le recensioni sono positive e ne vale la pena proverò a leggere la serie. Ma c'è qualcosa dentro di me che mi spinge a credere che non sarà una di quelle saghe che VALE la pena leggere...non so se mi sono spiegata. Quindi, staremo a vedere.
    Grazie ancora per la tua bellissima (e schietta) recensione e per avermi citata! *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati, mi pareva il minimo!!!! :) Anche perché a quanto pare dai commenti a questa recensione in tante si sono fatte domande sulla modella! :P
      Io con i Gardella sono stata fortunata! Ho preso il volumone per puro caso e poi me lo sono divorata!! *__*
      Wicked Lovely l'avevo letto anch'io e non mi era piaciuto per niente... era insulso. Però una serie molto molto bella con le fate è quella di Fever della Moning (anche se te la consiglio in lingua, se leggi in inglese, perché la traduzione italiana appiattisce parecchio la storia, almeno secondo me...ed è un vero peccato!).
      Ohh, allora non sono l'unica che non si ricorda le trame delle serie in corso!!! Evviva!!!! :P
      Ti sei spiegata perfettamente e hai ragione, è carina (o almeno, il primo libro lo è) ma da lì a dire che VALE proprio la pena ce ne passa ancora un po'....
      Grazie a te!!! *__*

      Elimina
  7. Questo libro mi incuriosisce molto, non credo però che lo leggerò presto, mi dispiace un po' per l'assenza di conclusione, ormai ci sono sempre più saghe e meno libri auto-conclusivi :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di libri auto-conclusivi se ne trovano pochissimi, ma il problema di questo non è che lascia un finale aperto per poter proseguire con gli altri volumi (come succede un po' in tutte le saghe) è che proprio non finisce, le cose sono lasciate così, in sospeso ed è davvero brutto :(

      Elimina
  8. Lo voglio leggere assolutissimamente!! *___* Comprendo in pieno il tuo disappunto a proposito del "finale mancato", anche se dubito sarà un grosso problema, nel mio caso: quando si tratta di letture, ho una pazienza siderale in fatto di serie infinite e capitoli ancora da scrivere hi hi hi! ;D Spero e prego solo che il triangolo cui accennavi non venga sviluppato più avanti: per una volta, una classica, solida storia d'amore fra due persone (anziché tre, tanto per cambiare! XD) mi farebbe un enorme piacere! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh che fortuna! Io invece divento "impazientissima" però se devo sopportare l'attesa alla fine la sopporto, è solo che lasciare i finali così sospesi mi irrita tantissimo, anche perché mi sembra una mancanza di attenzione in quello che si fa (e non sto parlando dei finali "aperti" delle serie, che ovviamente sono necessari, ma di quelli lasciati in sospeso, a mezzo, incompiuti :) ).
      Mentre sul triangolo amoroso ti do ragione, però spero che Gavin la smetta di fare da tappezzeria, perché sembra poco curato anche questo :P
      Però sarebbe davvero un bel cambiamento una storia d'amore tra due persone! :)

      Elimina
  9. Il finale mancato non sempre mi infastidisce, purchè nel libro siano presenti eventi degni di nota e che la sensazione finale non sia di aver letto 300 pagine di prologo *cough*Red*cough*
    Se in inglese te la cavi ti consiglio la serie Urban Magic di Kate Griffin: a parte che imho è la migliore serie urban fantasy attualmente in circolazione, ha il vantaggio che tutti i libri sono autoconclusvi :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh... beh, non hai tutti i torti!!! :P
      Oh questa serie non la conoscevo, ma me la segno e vedrò di recuperarla!!! Grazie mille!!! ^__^

      Elimina
  10. come dicevo l'altro giorno, mi incuriosisce ma ho paura di essere delusa :S
    non so, magari lo segno nella wishlist come alternativa!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, non è brutto come libro, anzi è carino, ma non è comunque un capolavoro :)

      Elimina
  11. Bene, dopo questa recensione ho rimodellato le mie aspettative, che erano decisamente alte. >_< Quindi forse mi eviterò la batosta quando lo leggerò.
    Io spero vivamente che il personaggio da tappezzeria non diventi in seguito davvero un vertice di triangolo. Odio i triangoli, non li sopporto! A parte che per inserirli bisogna giocarseli bene per renderli al meglio, poi per mio gusto non li posso vedere. Li detesto, e visto il dilagare dei triangoli ultimamente ho vita difficile. XD
    Devo dire che il fatto che non ci sia un finale è un tasto dolente. Un'altra cosa che mi infastidisce, ma che ormai è diventata la norma purtroppo. Ok, stiamo parlando di una serie, ma concludere qualcosa lasciandosi qualcos'altro in sospeso non credo sia impossibile, visto che ci sono saghe così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io avevo delle aspettative altissime e quindi un po' sono rimaste deluse, ma alla fine non è pessimo come libro. E' carino e l'ho divorato comunque :)
      Sui triangoli un po' ti do ragione... diciamo che ormai mi sono rassegnata e li do per scontati (e quando poi riesco a leggere un libro in cui il triangolo non c'è applaudo all'originalità del libro... anche se va contro ogni logica :P), però ti do ancora più ragione sui finali, mi fanno una rabbia! E' pieno di saghe che lasciano un finale "aperto" per i volumi successivi ma che comunque finiscono ogni singolo libro, gli danno una parvenza di compiutezza, quindi non è una cosa così impossibile da fare,e quelli che lasciano il finale a mezzo, che non concludono nulla mi fanno davvero rabbia!

      Elimina
  12. Premessa: Ang vuole leggere questo libro. Io mi sono accodata al desiderio perché in fondo ci si contagia sempre tra amiche. Ho letto la tua recensione per curiosità (sono passata perché volevo confrontarmi con te a proposito di Legend, ma non ho trovato la review e mi sono messa a bighellonare). Mentre leggevo mi sono incistata (si può dire?): tutte cose positive, geometrie e ragazzi da parete a parte.
    Però che tristezza il finale! Secondo me sta diventando un grosso problema nelle serie: un libro non è come un telefilm, non si può amputare e far diventare il cliffhanger una moda alla lunga irrita...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I contagi tra amiche sono i peggiori! :P Ogni tanto mi ritrovo a leggere dei libri (che poi magari mi piacciono anche, eh!) che mai e poi mai avrei pensato di prendere in mano solo perché una mia amica l'ha letto e me ne ha parlato bene o perché non vede l'ora di leggerlo...
      Si può dire, certo che si può dire!!! :P Ehh, il finale è una vera porcata!!!!!!!!!!

      Elimina
    2. Ne ho dimenticato un pezzo: la recensione di Legend non l'ho ancora scritta perché dovevo ancora chiarire cosa ne pensavo... (e la tua recensione mi è servita tantissimo, grazie!!!! :) ) probabilmente ne scriverò una mini-recensione più avanti :)

      Elimina
    3. Attenderò! Sono curiosa ^.^
      E aggiungerei: evviva le amiche che ci fanno scoprire anche bei libri ;)

      Elimina